venerdì, 30 Ottobre 2020

Mark&Tech, in futuro viaggi piu’ brevi e frequenti

Analisi di Tds Division di Cendant sulle tendenze fino al 2020

La vacanza del futuro sara’ sempre piu’ un desiderio di “esperienze” da soddisfare almeno quattro volte l’anno, con viaggi piu’ brevi ma quindi piu’ frequenti. E’ quanto emerso dalla ricerca “Uno sguardo al futuro: viaggi e viaggiatori da qui al 2020”, commissionata alla Future Foundation dalla Tds Division di Cendant (di cui fa parte Galileo) e presentata nei giorni scorsi a Roma nel corso del workshop Mark&Tech, organizzato da Confindustria Assotravel. “Nei prossimi 15 anni – ha spiegato Laura Capasa, responsabile Marketing e Sviluppo Business di Galileo Italia – ci si aspetta lo sviluppo di un pacchetto di viaggio piu’ flessibile, in grado di soddisfare le esigenze delle diverse generazioni che compongono il nucleo familiare, ma anche delle nuove categorie sociali emerse negli ultimi anni, quali i single e gli ‘old travellers’. Sara’ dunque compito delle travel company sviluppare soluzioni ad hoc, flessibili sia nel prezzo che nelle attivita’ comprese nel pacchetto-vacanza”. Capasa ha spiegato che cio’ non vorra’ dire la scomparsa del pacchetto di viaggio standard, ma l’emergere di una nuova domanda per una vacanza fatta su misura per famiglie e singoli individui con una minore disponibilita’ economica rispetto al passato. Inoltre, bisognera’ tenere in considerazione una nuova classe di viaggiatori, quella proveniente da Paesi emergenti, come Cina, Brasile, Russia e India, con specifiche esigenze sia in termini economici che sociali e culturali.

News Correlate