martedì, 1 Dicembre 2020

San Vito, dal ’97 presenze turistiche quadruplicate a settembre

Boom grazie al Cous Cous Fest. 50 le nuove strutture ricettive create

Più che quadruplicate nel solo mese di settembre le presenze di italiani e stranieri a San Vito Lo Capo. Il dato si riferisce al periodo compreso tra il 1997 e il 2005, ovvero da quando si svolge il Cous Cous Fest, rassegna internazionale di cultura ed enogastronomia del Mediterraneo. Se nel 1997, infatti, secondo i dati forniti dall’Apt di Trapani, le presenze, nel comparto alberghiero ed extralberghiero, erano 11.063, nel 2005 sono diventate 58.490, registrando un incremento del 428,70%. Nell’ultimo anno l’incremento delle presenze nel mese di settembre è stato del 13,28 per cento, a fronte di un incremento delle presenze annue di italiani e stranieri a San Vito Lo Capo del 3,8 per cento. Ciò testimonia il grande successo riscosso dal Cous Cous Fest, la cui nona edizione è in programma dal 19 al 24 settembre prossimi, e il successo del progetto di destagionalizzazione dei flussi turistici messo in atto dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Peraino. Formula che si è rilevata vincente se si considera che gli arrivi di italiani e stranieri, nel solo mese di settembre, nel comparto alberghiero ed extralberghiero, dal 1997 al 2005, sono più che triplicati (+365,53%), passando da 2.466 a 11.480. E nello stesso periodo sono più che raddoppiate le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, passate da 24 a 74, incrementando la disponibilità complessiva di camere dell’81% e dei posti letto del 82,77%, passati da 2.862 a 5.231. “La grande scommessa – sottolinea il sindaco di San Vito Lo Capo – sarà quella di incentivare un turismo qualità e nello stesso tempo riuscire a gestire più adeguatamente il picco di flussi turistici nei mesi di punta, come luglio e agosto, in modo da offrire servizi migliori e salvaguardare l’ambiente nell’ottica di uno sviluppo ecosostenibile del turismo”.

News Correlate