venerdì, 18 Settembre 2020

Soffia il vento della crisi su i Parchi a tema francesi

Le perdite sono 6 volte maggiori del capitale delle società

Diminuiscono frequentatori e
introiti nei parchi di divertimento francesi: anche se si
registra un 5% in piu’ negli introiti, le perdite sono ormai sei
volte maggiori del capitale delle societa’ di gestione e
sfiorano i trenta milioni di euro.
La crisi ha toccato in modo particolare i parchi a tema
pedagogico e scientifico come Futurscope a Poitiers, Micropolis,
la citta’ degli insetti, o la Citta’ dello Spazio a Tolosa.
Ma anche Disneyland Paris e Walt Disney Studios, il secondo
parco Disney a Marne-la-Vallee, non godono di sono il simbolo
della crisi di questa industria del divertimento. Secondo Eric Guilpart, direttore marketing della compagnia
Des Alpes, proprietaria dei parchi Asterix e Grevin, la perdita
di attrattiva verso i parchi e’ legata alla situazione economica
europea che al momento non e’ delle migliori. Le famiglie
tagliano in primo luogo le spese destinate ai divertimenti e
questo emerge dal fatto che oltre ad un generale abbassamento
dell’affluenza vi e’ anche una diminuzione degli introiti per
visitatore.

News Correlate