venerdì, 22 Gennaio 2021

Trasporto marittimo, Messina è la Regina dei porti 2002

Genova vince la classifica nel settore merci

Nel 2002 nei porti italiani si sono registrati 547mila arrivi per un totale di 840 milioni di tonnellate di stazza, con un calo del 4,8% dei passeggeri e un incremento del 3% delle merci. Lo rileva l’Istat nell’indagine sul trasporto marittimo del 2002, precisando che il confronto con gli anni precedenti va interpretato con cautela a causa di alcune novità di carattere metodologico. Per quanto riguarda i passeggeri, nel 2002 nei porti italiani ne sono transitati 82,7 milioni. La maggior parte (77 milioni) hanno viaggiato tra porti nazionali, mentre 5,7 milioni sono partiti o arrivati dall’estero. La flessione del 4,8%, spiega l’Istat, è il risultato di una marcata diminuzione del traffico fra porti italiani (-5,2%) e di un lieve incremento sulle rotte internazionali (+0,9%). La classifica dei porti per il trasporto passeggeri è molto diversa da quella del trasporto
merci: ai primi tre posti si piazzano infatti Messina, Reggio
Calabria e Napoli, anche se i primi due hanno subito pesanti
flessioni (circa l’11%) rispetto all’anno precedente a causa
della contrazione del traffico sullo Stretto. Il Paese straniero in cui si reca e da cui arriva il maggior numero di passeggeri è la Grecia (42,7% del totale).
La parte del leone nel traffico merci totale, pari a 458
milioni di tonnellate, l’hanno fatta anche nel 2002 i prodotti petroliferi, la cui quantità è aumentata dello 0,6%. Di questi, l’84% proviene dall’estero, soprattutto dalla Libia (31 milioni di tonnellate). In generale nel comparto merci, il primo porto per movimento complessivo è stato quello di Genova, con 44,4 milioni di tonnellate (+3%). Subito dietro si piazza Trieste con 43,7 milioni di tonnellate (-2,2%) e al terzo posto c’è Taranto con 32 milioni di tonnellate. Quanto alla provenienza e alla destinazione della merce, la navigazione a corto raggio cresce del 4,3%, mentre cala dell’1,5% quella a lungo raggio. Il Paese estero da cui si è registrato il maggiore flusso di entrata è la Libia, mentre il principale porto di sbarco per le merci italiane è stata la Spagna.

News Correlate