lunedì, 21 Giugno 2021

Al via piano vaccinale per i dipendenti di Robintur Travel Group

È pronto il piano vaccinale aziendale per i dipendenti delle società del Gruppo Robintur in tutta Italia, vale a dire Robintur, Argonauta, Btexpert, Conero Viaggi, Cherry For Fun, Egocentro, Rtp, Orchidea Viaggi. Gli oltre 400 lavoratori del gruppo, che detiene la più grande rete di adv dirette in Italia, potranno aderire fino al 2 giugno attraverso UniVax, la piattaforma dedicata di Unisalute che invierà le convocazioni. L’opportunità riguarda solo chi non ha ancora effettuato la prenotazione del vaccino con i canali regionali. Il vaccino potrà essere somministrato in hub vaccinali accreditati e in strutture sanitarie territoriali. L’impegno è quello di coprire la maggior parte delle province in cui il gruppo Robintur è presente.

Il Piano del Gruppo Robintur prevede la vaccinazione anti-Covid per ogni dipendente, una polizza assicurativa in caso di reazioni avverse al vaccino anti-Covid-19, l’indennizzo giornaliero a fronte di un eventuale ricovero in ospedale per reazioni avverse e l’invio dell’ambulanza. Il Piano rappresenta un’opportunità aggiuntiva e alternativa rispetto al Piano nazionale dei vaccini: per aderire occorre dichiarare di non avere già effettuato prenotazioni con altri enti. Esso si avvale, per la somministrazione delle dosi, di strutture convenzionate con UniSalute e, in alcune sedi, di appositi spazi messi a disposizione direttamente da UniSalute; il vaccino viene effettuato nella Regione in cui i lavoratori hanno il proprio medico curante. In ogni caso, la somministrazione e le relative tempistiche dipenderanno dalla disponibilità dei vaccini in ciascuna Regione, in linea con le priorità dettate dal piano di vaccinazione nazionale.

“Il Gruppo ha considerato prioritaria, fin dai primi momenti di emergenza, la salute dei dipendenti – spiega Tina Giglio, direttore della rete e del personale Robintur Travel Group – e il Piano vaccinale che abbiamo messo in campo rappresenta uno sforzo non marginale per l’azienda, che esce da un’annata caratterizzata da un fortissimo calo dei ricavi. Lo facciamo perché riteniamo doveroso garantire la maggior sicurezza possibile sia dei nostri dipendenti, sia dei clienti Robintur. Stimiamo che almeno il 25% dei nostri oltre 400 dipendenti sia già coperto dal punto di vista vaccinale dai sistemi regionali e auspichiamo di poter facilitare il ricevimento, almeno della prima dose alla quota restante, ovviamente su base volontaria, entro la fine di giugno. Naturalmente, il tutto è subordinato alla disponibilità di vaccini da parte delle varie Regioni in cui operiamo, ma la macchina organizzativa è già pronta per riuscire a dare risposta in tempi brevi a tutti i dipendenti che aderiranno”.

News Correlate