ECC entra a far parte di Cruise Lines International Association

Il settore delle crociere si riunisce in una sola associazione

Cruise Lines International Association (CLIA), European Cruise Council (ECC), Asia Cruise Association (ACA), l’inglese Passenger Shipping Association (PSA/ACE), la francese AFCC, la brasiliana ABREMAR, Northwest and Canada Cruise Association (NWCCA), Alaska Cruise Association (ACA) e International Cruise Council Australasia (ICCA) si sono unite per operare all’interno di una sigla comune, organizzata in una struttura unica a tutela del comparto crocieristico a livello mondiale.
Si tratta della  Cruise Lines International Association (CLIA), a cui verrà affiancata una denominazione geografica specifica a seconda delle aree di riferimento. Obiettivo della nuova associazione è garantire maggiori benefici e una sola voce a livello globale per tutte le compagnie, le adv e i partner commerciali, espressione di un settore che genera circa 100 miliardi di dollari di impatto economico annuo e più di 753.000 posti di lavoro diretti in tutto il mondo. CLIA sarà guidata da un Comitato Esecutivo Globale, attualmente presieduto da Howard Frank, vocepresidente, dg e membro del Comitato Esecutivo di Carnival Corporation & plc. A Christine Duffy, attuale presidente e ad del Cruise Lines International Association, ricoprirà i medesimi incarichi nella nuova associazione.
“Ora siamo davvero un’industria con una sola voce – ha detto Howard Frank – Un’evoluzione necessaria che risponde alla crescita costante del nostro mercato ed alla necessità del comparto di parlare e agire in modo unitario a livello globale, senza tuttavia sottovalutare l'importanza delle relazioni locali. La nuova CLIA avrà un ruolo fondamentale nel confronto proattivo con il mondo politico e gli enti regolatori a livello internazionale e nella promozione della vacanza in crociera nel mondo, attraverso un coordinamento più efficace nella comunicazione e nel coinvolgimento degli stakeholder ".
“I vantaggi garantiti dalla nuova associazione sono significativi sia nel breve sia nel lungo periodo – ha commentato Christine Duffy – La nuova CLIA ci permetterà di valorizzare al meglio l’impegno dei nostri associati e partner di, rafforzando la leadership del settore a livello mondiale su temi quali la sicurezza, l'ambiente, la sostenibilità e la salute”.
La nuova associazione si concentrerà su una pianificazione globale, in materie internazionali riguardanti il settore e le comunicazioni strategiche. Le questioni locali e regionali continueranno ad essere gestite dalle singole Associazioni regionali e nazionali in Nord America, Europa e Oceania.  A livello europeo, l’attuale European Cruise Council diventerà CLIA Europe.
“La nuova associazione globale rinforzerà la comunicazione e le relazioni del settore delle crociere a livello internazionale ed europeo e CLIA Europe promuoverà l’approccio ‘Un’industria, una voce’ nel vecchio continente. Il comparto è oggi ampiamente riconosciuto come un soggetto industriale in e per l’Europa ed il nostro obiettivo è rinforzare ulteriormente il costruttivo dialogo già avviato con le istituzioni europee. In particolare CLIA Europe continuerà a lavorare nella promozione dello shipping di qualità, degli alti standard di sicurezza e di tutela ambientale ed del significativo contributo apportato all’economia europea”, ha aggiunto Manfredi Lefebvre d’Ovidio, nuovo presidente di CLIA Europe ed attuale presidente di Silversea Cruises.

News Correlate