lunedì, 10 Maggio 2021

Bruxelles vuole allentare restrizioni per viaggi. Von der Leyen: rilanciamo il turismo

Si apre uno spiraglio per il turismo dell’Ue. La Commissione propone agli Stati membri di allentare le attuali restrizioni sui viaggi non essenziali (come quelli per turismo) nell’Ue, tenendo conto dei progressi delle campagne di vaccinazione e degli sviluppi della situazione epidemiologica a livello mondiale. Bruxelles propone di consentire l’ingresso nell’Unione per motivi non essenziali non solo a tutte le persone provenienti da Paesi con una buona situazione epidemiologica, ma anche a tutte le persone che hanno ricevuto l’ultima dose raccomandata di un vaccino autorizzato dall’Ue.

La proposta della Commissione Ue prevede l’ingresso nell’Ue per i turisti in arrivo da quei Paesi Terzi che hanno un tasso di notifica di 100 su 14 giorni, su 100 mila persone. Tra i criteri che verranno analizzati anche le percentuali dei test condotti, i tassi di positività e le tendenze. Sulla base di questi elementi sarà stilata una lista. Lo spiegano fonti Ue, che sottolineano come per entrare nell’Ue saranno ancora richiesti test ed eventuali periodi di quarantena. Il provvedimento dell’Esecutivo comunitario sarà presentato mercoledì agli ambasciatori dei 27 Paesi Ue. Bruxelles spera di arrivare ad un via libera del Consiglio per fine mese. A quel punto la Commissione punta ad includere nell’elenco dell’allentamento delle restrizioni un congruo numero di Paesi. Sicuramente vi rientrerà Israele, e probabilmente anche Regno Unito e Stati Uniti, che tuttavia ad ora continuano a destare alcuni interrogativi. L’ingresso nell’Ue, secondo la proposta della Commissione europea, sarà permesso anche a quanti sono stati pienamente vaccinati con sieri riconosciuti dall’Ema o elencati nella lista di emergenza dell’Oms.

“E’ tempo di rilanciare l’industria del turismo e di riavviare le amicizie frontaliere in sicurezza. Proponiamo di accogliere nuovamente i visitatori vaccinati e quelli provenienti da Paesi con una buona situazione sanitaria. Ma se emergono varianti dobbiamo agire in fretta: proponiamo un meccanismo di freno d’emergenza Ue”, ha commentato la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, su Twitter.

Intanto, continua l’allentamento delle restrizioni anti Covid nel Regno Unito, dove i contagi, i decessi e i ricoveri sembrano tornati al momento sotto controllo – largamente al di sotto di qualunque altro grande Paese europeo – e dove la corsa ai vaccini vola verso quota 50 milioni di dosi somministrate. Prevista inoltre in settimana la pubblicazione da parte dell’esecutivo di una “lista verde” di Paesi a minor rischio d’infezione e varianti verso i quali, dalle prossime settimane, i sudditi di Sua Maestà saranno autorizzati a viaggiare liberamente anche per turismo, e a prenotare senza incertezze, fatti salvi test o certificazioni vaccinali precuazionali richieste.

News Correlate