lunedì, 21 Settembre 2020

Federterme: terme in difficoltà necessario rilancio settore

In programma una serie di iniziative per rilancio turismo e benessere termale

“L'anno 2011 per il settore termale è stato un anno di ulteriore ridimensionamento dei livelli di attività produttiva con un calo del valore aggiunto a prezzi correnti che ha registrato una flessione di quasi 2 punti percentuali, attestandosi a 452.6 milioni di euro, con una variazione negativa di segno opposto a quella del biennio precedente. Anche i numeri dei primi 9 mesi 2012 indicano una perdurante tendenza in calo che sarà difficile compensare a breve termine, per effetto del previsto protrarsi delle attuali difficoltà per tutto il 2013”. Ad affermarlo Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme, illustrando la relazione annuale di Federterme.    
“È una situazione che abbiamo portato all'attenzione del Governo e delle Regioni e delle rappresentanze sindacali – ha spiegato Pecci – in sede di avvio dell'esame delle piattaforme per il rinnovo del CCNL dei dipendenti delle aziende termali”.  
Federterme propone, per il rilancio del turismo e del benessere termale, ‘Terme Aperte 2013’ evento che favorirà  l'accesso all'esperienza termale per tutti, in coerenza con la nuova opportunità per i cittadini europei di scegliere le terme dove curarsi, prevista dalla direttiva UE del 2011.
Continuerà anche il monitoraggio dei segnali di nuova domanda di benessere e turismo termale  per offrire risposte appropriate. Inoltre, è prevista la partecipazione alla celebrazione dei 20 anni di Federturismo con progetti di valorizzazione integrata delle risorse termali con le altre del territorio aventi valenza turistico culturale. Tra le altre proposte per rilanciare il settore: ala concentrazione delle risorse disponibili nella promozione del sistema termale; la partecipazione a progettazione di iniziative di valorizzazione integrata delle risorse termali nell'ambito del progetto EXPO 2015; supportare l'azione promozionale dell'ENIT con iniziative progettuali condivise; la partecipazione alla realizzazione di itinerari del benessere termale; la facilitazione all’accesso alla fruizione del benessere termale ai camperisti. 

News Correlate