venerdì, 7 Maggio 2021

Crolla il wedding tourism, fatturato a -90%

Non c’è solo il turismo tra i settori messi in ginocchio dalla pandemia: il cosiddetto Wedding Tourism che prima dell’emergenza sanitaria faceva registrare numeri da sballo (nel 2019 1 milione 783 mila presenze generate dall’organizzazione di 9.018 matrimoni di stranieri in Italia, per complessivi 486 milioni di euro di fatturato) è stato letteralmente massacrato secondo i dati di un’indagine diJfc.

“Considerando che i mercati Usa e Gran Bretagna – afferma Massimo Feruzzi, amministratore unico di Jfc e direttore dell’Osservatorio Italiano Destination Wedding Tourism – rappresentavano in epoca pre-pandemia ben il 39,6% del valore del wedding tourism, è interessante focalizzare l’attenzione su come si stanno comportando proprio questi mercati. Dalla rilevazione emerge che i wedding specialists operanti in questi due mercati hanno perso, nel corso del 2020, il 69,7% degli eventi ed il 78,9% di fatturato. Tuttavia rimane elevato l’interesse per l’Italia come destination wedding, in quanto oggi il 59,2% dei wedding specialists di questi due mercati anglofoni dichiara di avere molta richiesta per l’Italia, purtroppo al momento impossibile da soddisfare”.

E la ripresa non è proprio dietro l’orizzonte: per il 45,2% di questi operatori non sarà prima della primavera 2022, ma c’è anche una quota del 35,5% che prevede il ritorno in Italia addirittura in data successiva. “Il 2020 ha purtroppo segnato un -87,3% di presenze ed un ancor più significativo -92,7% di fatturato rispetto ai dati dell’anno precedente, assestandosi pertanto a 35,5 milioni di fatturato generati da 226 mila presenze (rispetto agli oltre 486 milioni di fatturato e 1 milione 783 mila presenze del 2019)”, conclude.

News Correlate