martedì, 16 Luglio 2024

Mattarella: Italia trova nel turismo il suo elemento promozionale

“Il senso dell’Italia trova nel turismo il suo più formidabile elemento promozionale, diretto com’è a sviluppare attenzione e interesse verso il nostro modo di vivere, i nostri prodotti, la nostra cultura, i nostri paesaggi: è l’aspirazione ad essere italici, che muove i grandi flussi turistici verso la nostra penisola” ha detto Sergio Mattarella, presidente della Repubblica, partecipando partecipano all’Assemblea 2024 di Confcommercio.

Mattarella ha ricordato che l’Italia è il primo Paese in Europa per notti trascorse da turisti provenienti da altri continenti. Infine, ha menzionato il ruolo trasversale del turismo legato a settori come i trasporti, il sistema culturale italiano, i comparti di alta gamma e di ospitalità. A questo scopo ha ribadito l’importanza del contratto nazionale del terziario “Creare ricchezza vuol dire corrispondere a un ruolo sociale, un ruolo che vede nella capacità di dialogo con i lavoratori del settore un aspetto positivo”. Secondo Mattarella occorrono “prese di posizione coraggiose contro i contratti pirata, come già annunciato dal presidente Sangalli”.

Il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha evidenziato come, nonostante la produttività stagnante, l’Italia abbia recuperato i punti persi nel difficile 2020 anche e soprattutto grazie al turismo, che sta registrando performance straordinarie con 26 miliardi di saldo netto della bilancia turistica per lo scorso anno “e quest’anno faremo ancora meglio”. Sangalli ha inoltre ricordato che abbiamo l’opportunità di lavorare sul tema delle radici italiane nel mondo, per rimettere in gioco le tante aree interne del nostro Paese per valorizzare “il nostro concetto di ‘Sense of Italy’, che va oltre quello del Made in Italy e che tiene insieme turismo, esportazioni di beni, promozione del nostro patrimonio culturale e creativo”.

“Grazie al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che nel suo intervento all’assemblea di Confcommercio ha evidenziato i numeri strepitosi del turismo, riconoscendo l’importanza del settore per la nazione anche in termini identitari – ha sottolineato la ministra del Turismo Daniela Santanchè –  Nelle sue parole giace un grande riconoscimento al valore del comparto ‘indispensabile’, come lo
ha definito il presidente, ‘alla tutela e allo sviluppo del senso dell’Italia: questo trova nel turismo il suo più formidabile elemento promozionale, diretto com’è a sviluppare attenzione e interesse verso il nostro modo di vivere, i nostri luoghi prodotti, la nostra cultura, i nostri paesaggi’. È proprio ‘l’aspirazione a essere italici’, come dice il presidente, ‘che muove tante persone di altri Paesi nei grandi
numeri di flussi turistici verso la penisola’”, conclude la ministra del Turismo.

“Siamo orgogliosi, come imprenditori e rappresentanti nazionali del mondo delle agenzie di viaggio e del tour operating, di  aver ascoltato il valore assunto dal turismo nelle dichiarazioni odierne del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del presidente di Confcommercio
Carlo Sangalli durante l’assemblea di Confcommercio. Siamo particolarmente colpiti per il riconoscimento che viene dato al
turismo, che riconnette al senso dell’Italia”. Così in una nota il presidente di Fiavet, la Federazione italiana associazioni imprese di viaggi e turismo, Giuseppe Ciminnisi.

News Correlate