domenica, 20 Settembre 2020

Pd e consumatori: dati catastrofici su estate 2012, convocare operatori

Federconsumatori ed Adusbef chiedono promozioni, offerte ed incentivi per incrementare le presenze

I dati diffusi da Federalberghi sull'andamento del mercato turistico dell'estate 2012 preoccupano non poco gli addetti ai lavori e non solo. Armando Cirillo, responsabile turismo del Pd, auspica in primo luogo "che l'esecutivo convochi le organizzazioni degli imprenditori per un confronto schietto sulla crisi del settore" e chiede al ministro Piero Gnudi di avviare questo confronto coinvolgendo tutti i ministri che hanno competenze che interessano il Turismo. "O si opera in una logica multidisciplinare oppure vedremo anno dopo anno una riduzione delle quote di mercato. Serve – conclude – una strategia chiara da realizzare d'intesa con le Regioni per rilanciare il turismo italiano e ridare fiato a tante piccole e piccolissime imprese".  
E Federconsumatori ed Adusbef sottolineano come il trend registrato da Federalberghi confermi "le nostre previsioni sul calo delle partenze". "Il crollo del settore – affermano le associazioni di tutela dei consumatori – rispecchia infatti il profondo disagio delle famiglie, sempre più costrette a rinunciare o, in ogni caso a tagliare il proprio budget per le vacanze. Secondo le stime e i primi consuntivi dell'O.N.F. (Osservatorio Nazionale Federconsumatori) solo 1 italiano su 3 partirà per le vacanze, appena il 34% dei cittadini, pari a 20,4 milioni. Non si ridurrà solo il numero degli italiani pronti a partire ma si ridimensionerà anche la spesa destinata alle vacanze estive".
"Per questo – precisano i presidenti Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti – facciamo appello al Governo ed alle imprese del settore affinché avviino da un lato, grandi promozioni, offerte ed incentivi per incrementare le presenze e per permettere alle famiglie di godere di qualche giorno di vacanza, ma fondamentale dall'altro lato, rimane l'imperativo categorico di rilancio dell'economia del Paese per dare lavoro e potere di acquisto alle famiglie".

 

News Correlate