lunedì, 6 Febbraio 2023

BTM Puglia rinviata al 2022

La 7^ edizione  di BTM – Business Tourism Management, previsto dal 19 al 21 maggio a Taranto è stata rinviata al 2022 a causa del persistere della Puglia in zona rossa.
“Abbiamo sperato fino all’ultimo in uno spiraglio legislativo per poter organizzare un evento in presenza in sicurezza e abbiamo lavorato sodo per creare le condizioni ideali allo svolgimento. – spiega l’ideatore e CEO di BTM Nevio D’Arpa – Per garantire il distanziamento avevamo dislocato l’evento in 3 location diverse, ci siamo prodigati per rispettare i protocolli esistenti e abbiamo ipotizzato dei piani per implementare misure aggiuntive, inclusa l’ipotesi del tampone pre-evento a tutti i partecipanti. La risposta delle aziende e dei buyer è stata eccezionale, confermando la partecipazione anche dopo i rinvii, ma l’incertezza sulle riaperture e la mancanza di indicazioni su quando e in che modalità permettere eventi in presenza, ci costringono a fare un passo indietro. Spiace constatare che negli stessi giorni, in Spagna, una fiera molto più grande come Fitur Madrid verrà usata dal governo come test per verificare la sicurezza degli eventi e riaprire il business del turismo congressuale, mentre da noi non si è trovato neanche un modo per estendere ai meeting aziendali il tampone pre evento, implementato già da un anno sulle navi da crociera”.
Il tema scelto per BTM 2021 era ‘New Vision’, filo conduttore per accendere il dibattito su un turismo futuro che parta dalla sostenibilità. “Il tema nel 2022 non cambierà – prosegue D’Arpa – crediamo che il turismo non debba arrendersi a una nuova normalità, ma ripensare completamente il modo in cui si integra nella vita delle persone e crea valore per i territori. Agli espositori che hanno creduto in questo progetto e confermato la partecipazione a BTM 2021 garantiremo il diritto di prelazione per partecipare a BTM 2022 alle stesse condizioni”.
Rinviati anche i due eventi collaterali previsti: il Social Media Tourism, workshop di formazione sul social media marketing, e ‘BTM OFF’, a cura della digital agency Titanka!. “Abbiamo preferito non convertire BTM in modalità solo online o ibrida perché non avrebbe offerto agli operatori un’esperienza adeguata, dato che la manifestazione ha uno dei suoi punti di forza nell’accoglienza e nella capacità di attrazione della Puglia.come meta gastronomica e culturale  – conclude Nevio D’Arpa- Confidiamo di far scoprire questa regione a buyer esteri e giornalisti il prossimo anno, quando si spera che la pandemia sarà solo un ricordo grazie al completamento delle campagne vaccinali”.

News Correlate