domenica, 25 Ottobre 2020

Coronavirus e incertezza su continuità territoriale compromettono il turismo sardo

Nicola Monello, presidente della sezione Turismo di Confindustria Centro Nord Sardegna, esprime “grande preoccupazione” per l’impasse sulla continuità aerea e l’emergenza coronavirus che stanno compromettendo la stagione turistica alle porte.

“Se su Cagliari e Alghero la soluzione è dietro l’angolo con la proroga dei voli Alitalia per Olbia, dove i collegamenti in continuità erano effettuati da Air Italy, occorre intervenire al più presto, non possiamo aspettare ancora – chiarisce Monello – La Regione non può che procedere con un mini bando, subito: dobbiamo tornare alla situazione ex ante, di riallineamento con gli altri due aeroporti sardi”.

“L’impossibilità nell’acquisto dei biglietti aerei per le rotte con Roma e Milano dopo il 16 aprile porta molti potenziali clienti a scegliere altre destinazioni, con conseguenze per adesso incalcolabili per il mercato turistico isolano – spiega Monello – in media circa il 30% del ‘fatturato camere’ di una struttura ricettiva viene prenotato entro la fine di marzo, quindi il danno ormai è fatto. Questa situazione di incertezza incide pesantemente anche sugli investimenti e sulla programmazione delle assunzioni”.

“Per quanto riguarda il coronavirus gli Usa sconsigliano di viaggiare verso determinate regioni italiane e American Airlines e Delta hanno sospeso i voli per Milano – osserva – Adesso anche la Turkish Airlines intende procedere alla sospensione dei collegamenti. E pure dalla Russia c’è l’indicazione di evitare viaggi verso l’Italia. “Non è semplice – conclude Monello – far capire che la Sardegna non è la Lombardia o il Veneto”.

News Correlate