domenica, 6 Dicembre 2020

Tirrenia, navi merci su tratte sarde: Cappellacci protesta

Il governatire sardo: vogliamo chiudere per sempre con questa politica dei collegamenti

Per tutto ottobre e novembre, Tirrenia utilizzerà un traghetto merci tipo "Puglia" per coprire le tratte Cagliari-Napoli, Palermo-Cagliari e Trapani-Cagliari, con capacità di trasporto passeggeri per 80 persone, 19 nodi di velocità massima contro i 29 dei Fast Cruise-Ferry. La decisione è stata comunicata al ministero dei Trasporti dal commissario della compagnia Giancarlo D'Andrea, visto che "la domanda passeggeri nel periodo invernale è molto contenuta".
Il "Toscana" da 6 mila posti, invece, invece assegnato al collegamento Napoli-Palermo, in sostituzione del "Bithia", la cui classe è scaduta questo mese e che quindi dovrà restare fermo per lavori. Tirrenia avrebbe voluto utilizzare un altro traghetto, il "Vincenzo Florio", ma non è ancora disponibile, come D'Andrea chiarisce nella lettera al ministero.
La decisione non è piaciuta  al governatore della Sardegna Ugo Cappellacci. "La Sardegna va in tutt'altra direzione – sottolinea Cappellacci – Con questo modo di concepire la politica dei collegamenti da e per l'Isola vogliamo chiudere per sempre: per quanto ci riguarda, il 'sistema Tirrenia' è da abbattere e archiviare definitivamente". Quest'estate il governatore ha promosso la costituzione di una sorta di flotta sarda immettendo sulle rotte due traghetti, Dimonios e Scintu, che hanno collegato l'Isola con altri porti italiani a prezzi competitivi.

News Correlate