Le Calette: da 50 anni punto di riferimento dell’ospitalità di alta classe

Festa tra le stelle per i 50 anni dell’Hotel Le Calette, 5 stelle di Cefalù che da residenza di villeggiatura privilegiata nelle lunghe estati siciliane degli anni ‘70 si è trasformata in un lussuoso rifugio per i viaggiatori del 2000, elevandosi a punto di eccellenza dell’ospitalità cefaludese, attestata da una clientela internazionale sempre più qualificata.
“Gli americani sono il nostro mercato di riferimento – spiega il direttore Lino Provenzano –  insieme a tedeschi, inglesi, mentre ad agosto è tempo per il mercato italiano di fascia alta e high spending, un target che però è particolarmente esigente. Già registriamo un incremento del 4% di arrivi mentre ben superiore è invece l’incremento del revenue, che segue delle logiche di politiche commerciali più avanzate ed ovviamente adeguate alla tipologia e alla qualità dei servizi offerti”.

Non è un caso che da cinquant’anni Le Calette sia un punto fermo dell’ospitalità alberghiera siciliana di alta classe e accompagni nella sua storia le ultime generazioni della famiglia Cacciola. Dalla fine degli anni sessanta sino ad oggi padre e figlia si sono avvicendati nella sua gestione.
Santino, ingegnere, ha unito allo sguardo tecnico l’intuizione di dar vita ad un’oasi di benessere acquistando nel 1964 una striscia di terra dall’esiguo valore agricolo. Una “pietraia”, tutta però di fronte al mare ed al promontorio della “Caldura”, già in quegli anni immagine simbolo nel mondo del fascino delle coste siciliane.
Francesca, dottoressa in economia, amante dell’ospitalità ed appassionata estimatrice di arredamento e tradizione siciliana insieme al marito Angelo Miccichè -architetto con consolidate esperienze in ambito turistico alberghiero- si sono assunti in pochi anni l’impegno di guidare Le Calette nell’olimpo dei 5 stelle siciliani.
La costruzione, studiata nel rispetto dell’ambiente, era allora una perfetta residenza per le famiglie alla ricerca della salubre brezza marina durante la calura estiva, a due passi dal centro di Cefalù la cui bellezza, oggi patrimonio UNESCO, ha da sempre attratto viaggiatori da ogni dove.
Le Calette si svilupperà legando idealmente due dimensioni: da una parte la cittadina di Cefalù, dall’altra, il mare, la scogliera e la natura ancestrale e quieta.
Il cinquantesimo anno de Le Calette è iniziato con l’arrivo della terza generazione: Gaia, la figlia minore della coppia – laurea alla Bocconi, master in industrie culturali e creative al King’s College e specializzazione in economia e gestione delle arti e delle attività culturali alla Ca’ Foscari – dopo 4 anni di esperienze professionali presso le Nazioni Unite, ha scelto di contribuire alla gestione dell’azienda familiare che per lei è da sempre casa: è lei adesso che si occupa della comunicazione e del marketing dell’hotel.

News Correlate