domenica, 25 Ottobre 2020

CDSHOTELS punta su famiglie e Nord Europa per rilanciare Città del Mare

Il nuovo corso di Città del Mare è stato tenuto a battesimo il 1° maggio ed avviato già il giorno successivo dalla CDS Hotels, la catena alberghiera pugliese, con sede a Lecce, che ha preso in gestione per 9 anni + 9, la storica struttura ricettiva siciliana, da sempre punto di riferimento per il turismo sull’isola.

La conferma la dà a Travelnostop.com il direttore commerciale Ada Miraglia (nella  foto) che già da qualche giorno vive la struttura per individuare opportunità e criticità. “Vogliamo puntare sulla qualità e sulla valorizzazione del territorio – esordisce Ada Miraglia – per soddisfare le esigenze di una fascia medio medio-alta che è il target di riferimento con cui siamo cresciuti e consolidati in Puglia”.

Dopo l’acquisto del Marenea Suite Hotel, a Marina di Marittima, il primo 5 stelle del Gruppo che dispone di 25 Suite e che avvierà la sua stagione il prossimo 15 giugno, e l’acquisizione della gestione dell’Hotel Corte di Nettuno, a Otranto, entrambi in provincia di Lecce, con l’acquisizione siciliana arrivano a dieci in tutto le strutture della catena alberghiera CDSHotels.

“Anche per Città del Mare – aggiunge Ada Miraglia – vogliamo sin da subito effettuare investimenti per completare l’azione di restyling già precedentemente avviata dalla proprietà concludendo, già in questa stagione, i lavori di ristrutturazione previsti nel lotto di 200 camere. Saliranno così complessivamente a 600 le camere interamente ristrutturate, mentre l’ultimo lotto di 200 abbiamo già programmato di avviarlo a chiusura di stagione prevista ad ottobre per riaprire il 1 aprile 2020. Intanto lavoreremo con la struttura e con i capiservizi  per riqualificare i servizi di ospitalità ed accoglienza ed offrire il massimo comfort anche nelle camere oltre che nei servizi”.

Non a caso sin dai primi di giugno – entrerà in funzione “Il siciliano” un nuova area dedicata ad una ristorazione fortemente caratterizzata dalla tipicità. “Gli ospiti potranno accedere su prenotazione per gustare una gastronomia di eccellenza in cui la tipicità – puntualizza Ada Miraglia (nella foto in basso con Maria Sclafani, responsabile congressi di Città del Mare) –  diventa anche identità del territorio. Una esperienza positiva già collaudata con il ristorante “Il pugliese” presente in alcuni nostri villaggi in Puglia”.

Ovviamente il collaudato know how che la CDS Hotels ha già maturato in Puglia potrà costituire il valore aggiunto per Città del Mare, al pari dell’organizzazione commerciale fortemente orientata ad intercettare flussi turistici dal Nord Europa con un forte radicamento sui mercati tedeschi, inglesi, belgi e recentemente del Lussemburgo con un coinvolgimento anche del vettore Lux Air.

Ma sarà anche una scommessa per l’azienda pugliese che dovrà misurarsi nella gestione di una struttura ricettiva, in assoluto la più grande del Gruppo, che si estende su un parco di 27 ettari, quattro piscine di cui una olimpionica, quattro ristoranti di cui tre a tema, centro congressi, centro benessere, area shopping, numerosi campi sportivi e il Toboggan, il più grande scivolo d’acqua d’Europa e tra i dieci più belli al mondo.

E sin dal prossimo anno a regime disporrà di 800 camere con terrazze vista mare su un panorama mozzafiato ed interamente ristrutturate ed un potenziale di oltre 2.400 letti. “Confidiamo nell’apporto delle agenzie di viaggio verso le quali non abbiamo alcuna preclusione, anzi intendiamo sviluppare azioni sinergiche. Inoltre facciamo affidamento  sulle potenzialità della struttura, che si presta molto per i soggiorni settimanali delle famiglie, altro nostro target di riferimento– conclude Ada Miraglia – e dovremo ripensare l’area congressuale al pari dell’allungamento della stagionalità, ma questi saranno tra gli impegni del 2021”.

News Correlate