martedì, 29 Settembre 2020

L’estate di Città del Mare: pochi stranieri e tanti ospiti con il bonus vacanze

Pochissimi o quasi gli stranieri, eventi saltati, ma il bonus vacanze ha portato un po’ di movimento a Città del Mare, il complesso turistico di Terrasini acquisito dalla Cds Hotel già da un paio di anni. Un consuntivo tracciato da Ada Miraglia che, in una lunga intervista telefonica rilasciata a travelnostop.com, racconta l’andamento di questa stagione estiva segnata dal coronavirus.

“Abbiamo sofferto per la mancanza del turismo straniero – spiega – al momento a Città del Mare ci sono alcuni tedeschi, ma sono state cancellate quasi tutte le prenotazioni di individuali e gruppi. Il fatturato sia in Sicilia che in in Puglia è in calo del 35% anche grazie alla ripresa che abbiamo registrato ad agosto quando il bonus vacanze è entrato a regime. La Sicilia comunque non ha avuto lo stesso successo della Puglia, forse anche per via della carenza di infrastrutture stradali. La vera ripresa è stata a ferragosto e sta proseguendo anche in questi giorni. Chiuderemo Città del Mare i primi di ottobre per consentire il riavvio del restyling della struttura per riaprire poi il 1 aprile 2021.

E a proposito dei lavori, quelli programmati per quest’anno sono stati svolti solo in parte a causa del lockdown che ha bloccato tutte le attività. Contiamo adesso di programmarli per l’inverno in modo che con la riapertura primaverile potremo offrire alla clientela 803 camere completamente rinnovate. Attualmente sono 630 quelle che hanno subito un’operazione di restyling anche se in alcune mancano ancora alcune rifiniture”.

Ada Miraglia punta infine il dito contro lo strumento del bonus vacanze: “da un lato è stato un incentivo per prenotare che ha consentito a tutti di andare in vacanza. Dall’altro, senza un tetto che imponeva un numero minimo di notti, abbiamo registrato diversi comportamenti poco consoni a chi è ospite in un hotel che in alcuni casi hanno fatto storcere il naso ai nostri clienti storici. Anche per arginare questa deriva abbiamo messo un tetto di almeno 3 notti a chi voleva usufruire del bonus”.

Intanto nonostante l’annata, il gruppo CDS Hotels è pronto a scommettere ancora sull’Isola: sono infatti già avviate trattative per un’altra struttura in Sicilia.

News Correlate