venerdì, 25 Settembre 2020

Farruggio: crisi turismo o penalizzazione sistema alberghiero?

Il presidente di Federalberghi Palermo chiede maggior sostegno al comparto

Snellimento delle procedure burocratiche, detassazione sulle varie imposte e agevolazioni per le assunzioni. Sono le richieste avanzate dal presidente provinciale dell'Associazione Albergatori di Palermo e vice presidente di Uras-Federalberghi Sicilia, Nicola Farruggio, secondo il quale senza questi accorgimenti, "le gestioni degli hotel saranno messe a rischio causando una preoccupante riduzione dei servizi e dei livelli occupazionali".

In una nota, Farruggio evidenzia più che il calo dei flussi turistici, la crisi che stanno attraversando le strutture alberghiere, "segmento che dovrebbe essere il fiore all'occhiello della ricettività siciliana e che viceversa viene penalizzato da continue vessazioni e tributi da parte delle varie amministrazioni locali, oggi non più sostenibili in virtù dell'attuale situazione economico-produttiva". "Una Sicilia che a pieno titolo vuole presentarsi sui mercati internazionali in modo competitivo – aggiunge Farruggio – non può essere indifferente ad un comparto ricettivo alberghiero che soffre. Non bastano le risorse provenienti dall'Ue se poi le strutture non sono messe nelle condizioni per essere competitive con altri mercati. Il nostro settore è penalizzato all'interno da un sistema di norme e tributi fin troppo severo, non solo rispetto ad altre destinazioni ma anche nei confronti di diverse forme di ricettività, che proprio per questo, oggi trovano maggior vantaggio.

Così come avviene nelle politiche turistiche di tutte quei territori che hanno puntato fortemente sul turismo come principale sviluppo economico – conclude Farruggio – gli alberghi, anche per la loro funzione di servizio al territorio, dovrebbero essere maggiormente garantiti, cosa possibile in una regione a statuto speciale, come appunto la Sicilia".

News Correlate