sabato, 31 Ottobre 2020

Federconsumatori non condivide la nuova legge regionale sul turismo

Consumatori penalizzati dalla nuova legge sul turismo al vaglio dell’Ars che invece punta a tutelare gli interessi privati dei gestori d’albergo e delle strutture ricettive. A lanciare l’allarme Federconsumatori Sicilia, a poche ore dall’audizione svolta in IV Commissione legislativa all’ARS, dove è in corso la discussione del testo presentato dal Governo Crocetta.

Il disegno di legge di iniziativa governativa n. 1285, denominato “Disciplina organica delle attività produttive del settore turismo”, sembra scritto direttamente dagli albergatori per arginare la diffusione di B&B e case vacanze e presenta diversi punti che cozzano contro le normative vigenti a livello nazionale ed europeo, denuncia in una nota la federazione dei consumatori.

Al contrario, Federconsumatori ha presentato in Commissione delle proposte che riguardano prima di tutto il recepimento delle direttive comunitarie sulla tutela dei diritti del turista e l’emanazione della “Carta regionale dei diritti del turista”, di cui il testo governativo sembra essersi del tutto dimenticato.

“Abbiamo anche segnalato – spiega il presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa – la grave assenza nella proposta di disegno di legge governativo di un articolato a tutela dei diritti delle persone con disabilità e proposto l’introduzione del principio della valorizzazione delle imprese sociali per promuovere la mobilità delle persone diversamente abili”.

Inoltre, secondo Federconsumatori, una delle cose più preoccupanti del testo è la previsione (all’articolo 5) di un “Consiglio Regionale del Turismo”, composto da tre rappresentanti degli imprenditori turistici (che esprimono anche il vicepresidente) e di un solo rappresentante delle associazioni dei consumatori. Federconsumatori chiede che i rappresentanti dei turisti/consumatori siano tre e che il vicepresidente non sia espressione diretta degli imprenditori.

Altra previsione grave del testo governativo sarebbe l’azione obbligatoria di denuncia nei confronti delle attività turistiche abusive che dovrebbe svolgere il Consiglio Regionale del Turismo su proposta delle associazioni datoriali.

Federconsumatori critica anche il riconoscimento delle finalità di servizio pubblico alle strutture turistico ricettive esistenti alla data di pubblicazione della legge e l’inserimento, tra le strutture turistico ricettive (articolo 11 lettera g), delle unità abitative ammobiliate a uso turistico anche se gestite in forma non imprenditoriale.

“Ci rendiamo perfettamente conto che gli albergatori soffrono la concorrenza sleale delle strutture abusive – conclude La Rosa – ma questo non può portare alla creazione di un organo di polizia turistica governato dagli imprenditori tramite cavilli e burocrazia”.

News Correlate