martedì, 19 Gennaio 2021

Distretto Turistico Valle dei Templi scelto come soggetto per due tesi di laurea

Ancora una volta la Valle dei Templi diventa laboratorio di conoscenza per gli studenti universitari. Con una tesi dal titolo ‘E-Migrantes’: uno studio semiotico del progetto e del viaggio dell’emigrante tra i luoghi della memoria, l’agrigentina Eleonora Panarisi ha conseguito all’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna la laurea magistrale in Semiotica della Cultura e delle Scienze Sociali.

Tra le tirocinanti del Distretto Turistico, la Panarisi ha svolto una ricerca su uno dei progetti più interessanti del Distretto, analizzando anche il portale www.e-migrantes.it, e approfondendo l’aspetto relazionale del tour dell’emigrante proposto ai presidenti di associazioni di comunità siciliane all’estero. In particolare, la tesi ha sviluppato un’analisi sul marketing del turismo esperenziale, sul valore della memoria, e su come gli eventi culturali creino legami identitari profondi attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale-storico-artistico.
Particolarmente interessante il capitolo dedicato all’heritage tourism, definito uno degli strumenti più efficaci e strategici per lo sviluppo economico e turistico di una comunità: il turismo culturale non riguarda solo i musei, i siti archeologici o i monumenti, ma anche il piacere di immergersi nello stile di vita locale e in tutto ciò che ne costituisce l’identità e il carattere.

Pregevole anche il saggio di Michele Virone, che ha conseguito la Laurea in Economia Aziendale all’Università di Catania, discutendo una tesi sullo ‘Sviluppo dei Distretti Turistici Regionali come leva economica. Il Caso del Distretto Valle dei Templi di Agrigento’, relatore il professor Luigi Scrofani, Ordinario di Geografia economico-politica presso il Dipartimento di Economia e Impresa. Virone ha analizzato sia le caratteristiche distintive del Distretto Valle dei Templi, che i progetti e le diverse attività portate avanti. Ha anche affrontato il tema delle nuove strategie di sviluppo, individuando limiti nelle disposizioni normative e distonie tra il sistema locale e la nuova impostazione strategica della Regione.

News Correlate