domenica, 17 Gennaio 2021

È il progetto Gyoia ad aggiudicarsi il 3° #hotelpalermoNEXT

È il progetto dell’ostello/boutique ‘Gyoia’ ad essersi aggiudicato la 3^ edizione del master of Economics Hospitality Management – Food & Beverage, nell’ambito del progetto #hotelpalermoNEXT, presentato alla sede dell’Alta Scuola ARCES di Palermo.

I 14 studenti, divisi in tre team, hanno spiegato i loro lavori a un gruppo di esperti del settore turistico. La giuria ha valutato le idee illustrate dai giovani, analizzando i criteri di creatività, competitività, differenziazione, individuazione target di mercato e proiezioni finanziarie.

Tre i lavori presentati dai ragazzi: Gyoia, MyHotel e Sicycle Hotel, poi valutati dalla commissione composta da Dario Ferrante, Ceo di Absolute Sicilia; Elisabetta Calandrino, presidente Skal International – Sicilia; Marco Mancini, dell’ufficio Turismo del Comune di Palermo; Maria Laura Crescimanno, giornalista freelance e Toti Piscopo presidente Skal International – Italia.

“Gyoia’ è un acronimo di ‘Generazione Y’, ospitalità, intrattenimento alternativo. Il target a cui ci rivolgiamo è composto da ragazzi che hanno un’età compresa tra i 20 e i 35 anni. Si tratta di giovani sensibili alla sostenibilità e al mondo digitale. Usano – spiega Gaspare Varvaro, del team del progetto vincitore – moltissimo gli smarthphone e non hanno una grande possibilità di spesa, ma quello che riescono a mettere da parte lo utilizzano per una vacanza. La nostra struttura è una boutique hostel con diverse camere tematiche.

Alcune stanze presenteranno le caratteristiche di Monreale, altre di Mondello, della Vucciria, del Politeama. Ad esempio, nella nostra suite che sarà la stanza Monreale, verranno riprodotti da artigiani locali, veri mosaici sulle pareti. In questo modo instaureremo delle collaborazioni con le realtà siciliane che operano sul territorio. Per quanto riguarda il cibo siamo orientati ad un servizio bar aperto h24 poiché il nostro target non ha orari precisi per pranzare, cenare o fare uno spuntino. Inoltre, vogliamo creare un laboratorio di cucina e saranno i turisti stessi, se vorranno, a preparare i loro piatti con prodotti esclusivamente siciliani”.

Non da meno anche gli altri due progetti: MyHotel propone degli hotel che offrono esperienze, le cui pareti cambiano in base al gusto dei turisti. “Sui muri, infatti, vengono proiettate – racconta lo studente Andrea D’Asaro – delle immagini che cambiano. E così si potrà ricreare il cielo, la campagna, il mare. Poi la nostra intenzione è quella di inserire accorgimenti tecnologici che aumentino il valore del tempo trascorso nella stanza”; Sicycle Hotel, invece, si rivolge ai cicloturisti. Si tratta di una struttura con “un atelier dedicato alle due ruote – afferma lo studente Antonino Marraffa – Una stanza, un’officina dove poter modificare o lucidare le bici”.

Inoltre, durante il pomeriggio è stata presentata la 4^ edizione del master of Economics Hospitality Management – Food & Beverage. Il master, organizzato e promosso dall’Università degli Studi di Palermo, dalla Florida International University di Miami, dalla Alta Scuola ARCES e coordinato dal prof. Giovanni Ruggieri e dal prof. Paolo Inglese, ha lo scopo di formare manager nel settore dell’ospitalità turistica e del turismo enogastronomico. Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno il 10 febbraio 2017.

Per candidarsi basta scaricare il bando pubblicato sul sito www.masterhospitalitymanagement.it

 

News Correlate