sabato, 5 Dicembre 2020

Gli interni del nuovo Frecciarossa sono made in Sicily

Ha un cuore siciliano il nuovo Frecciarossa – 8 carrozze con 447 posti a sedere e una velocità massima raggiungibile di 400 km orari – che farà il suo primo viaggio in occasione dell’inaugurazione dell’Expo2015 di Milano. Viene prodotta, infatti, a pochi chilometri da Palermo, ed in particolare negli stabilimenti Omer nell’area industriale di Carini, una delle parti più prestigiose degli arredi interni, nonché i componenti aerodinamici di rivestimento esterno.

In quello che era un terreno abbandonato, diventato una discarica pubblica e confiscato alla mafia, dopo essere stato acquistato dalla Omer, oggi sorge uno stabilimento di circa 10 mila metri quadrati dove si stanno progettando, testando e producendo gli interni dell’area meeting del nuovo Frecciarossa, dove manager e viaggiatori che prenoteranno il servizio, potranno lavorare durante le appena due ore e mezza che impiegherà il treno per collegare Roma a Milano.

In questo esclusivo ambiente ricavato all’interno della carrozza Executive, sarà infatti possibile usufruire di tutta la tecnologia propria di una meeting room all’avanguardia, includendo i servizi di connettività wi-fi, videoproiezione e stampa di documenti digitali, con livelli di comfort acustico, visivo e funzionale elevatissimi.   

“La produzione destinata al Frecciarossa rappresenta il nostro progetto di punta che portiamo avanti con grande orgoglio – ha spiegato Giuseppe Russello, amministratore unico della OMER – nonostante operiamo in un’area di grande marginalità geografica come la Sicilia e in un territorio dove l’affermazione della legalità è stata spesso difficile”.

Negli edifici dell’area industriale di Carini nascono, oltre alla gran parte degli interni dei Vivalto e dei TSR, i treni regionali italiani prodotti dall’Ansaldo Breda, anche gran parte degli gli interni dei treni regionali francesi, prodotti dalla multinazionale Bombardier, e destinati alle ferrovie francesi nonché gli interiors dei treni ad alta frequentazione realizzati dalla multinazionale francese Alstom per il mercato australiano, che viaggeranno a Melbourne nei prossimi mesi.

News Correlate