sabato, 15 Maggio 2021

Chiuse oltre mille imprese alloggio e somministrazione

I dati sulla Sicilia dalla stima effettuata dall’Osservatorio di Confesercenti

Dati allarmanti dall'Osservatorio di Confesercenti sulle attività commerciali e il turismo. Tra gennaio e agosto si sono registrate 5.429 cancellazioni e contando le aperture il saldo è negativo di quasi 3.000 unità.
Un altro anno critico per le imprese siciliane del commercio e del turismo: in 8 mesi si sono registrate 5.429 cancellazioni e contando le aperture il saldo è negativo di quasi 3.000 unità. Se continuerà così, a fine anno il saldo sarà ancora più negativo e si perderanno diverse migliaia di posti di lavoro.
Estrapolando i dati che riguardano la Sicilia dalla stima effettuata dall'Osservatorio di Confesercenti, si calcola infatti un saldo negativo di 506 unità e 1.044 cancellazioni per le imprese di alloggio e somministrazione mentre le imprese di alloggio presentano un saldo negativo di 43 unità e 65 cancellazioni; le imprese di ristorazione presentano un saldo negativo di 265 unità e 551 cancellazioni e invece le imprese che gestiscono bar presentano un saldo negativo di 190 unità e 419 cancellazioni.
"La drammaticità di queste cifre – sottolinea Vittorio Messina, presidente di Confesercenti Sicilia –  conferma la gravità della situazione economica in Sicilia dove la disoccupazione giovanile, che a livello nazionale ha segnato il suo record storico balzando a 40,1%, e che nell'Isola supera abbondantemente questa percentuale è conseguenza anche delle cessazioni di imprese guidate da under 35".

News Correlate