sabato, 5 Dicembre 2020

Il turismo domani, focus con gli operatori tra ottimisti e pessimisti

Tra riflessioni e soluzioni ecco gli interventi che si sono susseguiti nell’ambito dell’incontro su “Il turismo su gomma riscalta i motori” ispirato dallo Skal International Palermo e con il quale è stato inaugurato il ciclo della SkalAcademy. “Un ciclo d’incontri – ha spiegato il presidente del Club, Toti Piscopo – che vogliono costituire dei salotti di conversazione, oggi virtuali e domani reali, sulle tematiche del turismo, nelle sue diverse declinazioni. E tra le tante riflessioni i segnali di pessimismo si sono alternati con quelli di ottimismo”.

Ha comunque suscitato interesse l’idea del Bus Operators FrecciaRossa così come illustrato da Eugenio Labisi per il riposizionamento della mobilità su Bus per affrontare il turismo di prossimità nei week end, ma anche per i trasferimenti da e per gli alberghi, su mezzi sanificati ed opportunamente attrezzati.

Analogo il parere di Claudio Iozzi: “nella fase di ripresa dobbiamo considerare, oltre all’aspetto economico anche quello psicologico. Per questo sarà necessario fornire agli utenti anche nell’aspetto comunicativo una sensazione di sicurezza sanitaria. E si potrebbe pensare anche a un bollino per le aziende che rispettano le norme sanitarie”.

Per Giovanna Mammana: “dovrà passare tempo prima di poter aver turisti. La prima misura da adottare è sicuramente quella di obbligare tutti ad usare le mascherine per prevenire la diffusione del Covid-19 e accorciare i tempi auspicando che il vaccino sia pronto al più presto”.

Particolarmente pessimista Nicola Farruggio: “dopo che ripartiranno gli altri comparti, si potrà parlare di ripartenza del turismo, ma difficilmente la ripresa coinvolgerà subito il turismo. Di sicuro si va verso un turismo individuale e di prossimità, utilizzando mezzi propri. Riaprire gli alberghi potrebbe essere non solo improduttivo ma impossibile, a meno che non arrivino sostegni economici in grado di accompagnare le fasi successive”.

Titubante Francesco Miranda: “indipendentemente da tutti gli accorgimenti sui mezzi di trasporto, bisogna capire se i resort avranno la capacità di poter aprire, se le prenotazioni arriveranno almeno in estate, considerando che i costi raddoppieranno per accogliere un numero ridotto di clienti”.

Gli fa eco Marco Mineo: “ancora troppo dubbi su quali regolamentazioni verranno adottate per la fase 2 per far sopravvivere una filiera molto grande come quella del turismo, sicuramente sarà rivoluzionato il trasporto passeggeri. Il problema è capire dove ci porterà questa crisi senza precedenti, considerato che il nostro settore avrà crisi per due anni almeno. Per il comparto alberghiero attendiamo risposte certe, non solo dal punto di vista economico ma anche di protocolli certi e regole per poter riprendere una vita apparentemente normale rispettando il distanziamento sociale. Finora nessun aiuto reale, navighiamo a vista, e la situazione è demoralizzante”.

Non è da meno Daniela Giardina: “c’è preoccupazione tra noi TO, tutti i nostri guadagni sono annullati da fine ottobre e fino a fine marzo dell’anno prossimo visto che lavoriamo con il mercato estero. Per questo ci aspettiamo sostegno concreto dal governo. Anche su programmazione 2021 siamo indietro, non sappiamo come sarà il turismo. E come TO, non avendo apertura diretta al pubblico, non capiamo come potere intervenire sulla proposta dell’assesssore Manlio Messina”.

Piuttosto attendista Marco Salerno: “gli operatori sono in attesa del decreto aprile che dovrebbe dare attenzione al turismo, ci aspettiamo molto, a cominciare da interventi di natura creditizia ma anche di sostegno vero e proprio. Solo con il vaccino molte frontiere cadranno e finirà la fase emergenziale e si potrà tornare a fare turismo”. 

Non demorde Mario Indovina: “come Slow Food al momento stiamo portando i prodotti dei nostri paesi direttamente a casa delle persone. In una fase successiva vogliamo tornare a portare le persone fuori, e sicuramente inizialmente si potranno sfruttare i weekend. La nostra proposta è quella di mettere insieme le forze tra agriturismo, alberghi, e trasporto su gomma per lanciare dei pacchetti con alloggio,trasfert, cena nei piccoli borghi, città d’arte o al mare”.

Mentre per Bernadette Lo Bianco “si apre un capitolo nuovo per il turismo, dobbiamo ridisegnare il comparto. Cambierà la modalità viaggio, ci sarà una netta prevalenza del turismo individuale, familiare, in camper, a contatto con la natura. Si sceglierà il turismo all’aria aperta e dunque le strutture ricettive dovranno adeguarsi a queste nuove esigenze”. 

Realista Santino Mogavero: “dobbiamo utilizzare questo periodo di tempo in cui siamo fermi per riorganizzarci e ristrutturare le regole, anche approfittando della situazione che stiamo vivendo  di apertura al dialogo tra le parti. Al di la del  denaro, che speriamo che arrivi, dobbiamo chiedere qualcos’altro. Dobbiamo capire cosa ha funzionato e cosa no, è bastato un alito di vento, considerato che è solo un mese di fermo, a distruggere le aziende. Ora dobbiamo approfittare di questo tempo per fare lobby e avanzare proposte e richieste concrete”.

Già pianificati i prossimi tre incontri virtuali di SkalAcademy:

oggi, mercoledì 22 aprile alle 11.30 incontro con Andrea Petroni, autore del libro “Professione Travel Blogger” e ispiratore del blog di viaggi VoloGratis.org, che ha lanciato l’iniziativa editoriale “Racconta il tuo borgo” insieme alla casa editrice siciliana Dario Flaccovio Editore per dare vita a un libro collettivo del turismo 2.0 al tempo del lockdown. Per partecipare clicca su https://global.gotomeeting.com/join/907823373.

giovedì 23 aprile alle 16 incontro con Giancarlo Dell’Ara, esperto di turismo dei mercati asiatici, su “Siamo davvero entrati nel secolo cinese”.  Per partecipare alla riunione clicca su
https://global.gotomeeting.com/join/223673933 – Codice accesso: 223-673-933

venerdì 24 aprile alle 16 con Danilo Beltrante fondatore a Firenze di “Vivere di Turismo Business School”, Scuola di alta formazione per gli operatori del turismo extralberghiero. Per partecipare alla riunione clicca su https://global.gotomeeting.com/join/966912773 – Codice accesso: 966-912-773

News Correlate