domenica, 18 Aprile 2021

A due anni da morte Tusa inizia restauro dell’ultimo rostro da lui individuato

La Sicilia celebra oggi, mercoledì 10 marzo, il secondo anniversario della scomparsa dell’assessore ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, avvenuta in un incidente aereo in Etiopia, mentre si stava recando in Kenya per partecipare a una conferenza internazionale dell’Unesco. E lo fa con l’avvio del restauro dell’ultimo rostro recuperato dalla Soprintendenza del mare della Regione Siciliana sui fondali delle Egadi. Era stato proprio l’archeologo siciliano, infatti, a individuare, nel 2018, il prezioso reperto a nord-ovest dell’isola di Levanzo.

Classificato come “Rostro Egadi 17” – ennesima testimonianza della storica battaglia navale che pose fine alla prima guerra punica, con la vittoria di Roma su Cartagine – era stato riportato in superficie (con la collaborazione della Guardia di finanza, dei subacquei altofondisti della Golbal underwater explorers e del personale dell’Area marina protetta) lo scorso 2 agosto, in quello che sarebbe stato il giorno del sessantottesimo compleanno di Tusa. Un progetto di cooperazione culturale che vede insieme la Regione, la Fondazione Horcynus Orca e il Comune di Favignana.

“Oggi, a due anni esatti dalla tragica scomparsa del nostro compianto assessore Sebastiano Tusa – evidenzia il governatore siciliano Nello Musumeci – si porta a compimento un’operazione che vede una sinergia tra pubblico e privato per il restauro e la valorizzazione del nostro immenso patrimonio sommerso. Una perfetta sintonia che deve servire da esempio a tutti per la buona pratica che rappresenta la scelta di collaborare con le Pubbliche amministrazioni”.

Dopo le indagini diagnostiche si procederà al restauro, a conclusione del quale il rostro sarà musealizzato, come conferma l’assessore dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Alberto Samonà. “Inauguriamo oggi, grazie alla sponsorizzazione – spiega – i lavori di diagnostica e restauro. Al termine saremo pronti per esporlo nelle sue sedi naturali nelle Egadi”.

“Continuiamo a operare, senza fermarci – sottolinea la soprintendente del Mare Valeria Li Vigni – nel solco tracciato da Sebastiano con entusiasmo e grande sinergia tra le Forze dell’ordine, le autorità cittadine e Fondazioni. Questo è il caso dove pubblico e privato collaborano con l’intento di tutelare, rendere fruibile e valorizzare un patrimonio inestimabile. In questo caso ringraziamo il presidente Gaetano Giunta che ci ha dato la possibilità di restaurare il rostro attraverso una sponsorizzazione e quindi mostrarlo successivamente nelle sale del museo”.

“E’ un progetto importante legato alle Isole Egadi – dichiara il sindaco di Favignana, Francesco Forgione – nella continuità del lavoro svolto da Sebastiano Tusa e senza il cui contributo una parte della nostra storia e del nostro patrimonio archeologico sarebbe rimasto sconosciuto ai più”.

News Correlate