giovedì, 24 Settembre 2020

Monreale torna alla ribalta con la Settimana di Musica Sacra

Torna, dopo alcuni anni di silenzio, la “Settimana di Musica Sacra a Monreale” che si svolgerà dal 30 ottobre all’8 novembre. La 55^ edizione avrà luogo nel Duomo (recentemente inserito nella lista del World Heritage Unesco come patrimonio dell’umanità), e nella Chiesa della Collegiata a Monreale e a Palermo nella Chiesa di San Mamiliano e nella Chiesa del SS. Salvatore. La direzione è stata affidata al Maestro Dario Oliveri, direttore artistico dell’Associazione Siciliana Amici della Musica e autore di numerosissime pubblicazioni di argomento musicologico.

Da un lato, la manifestazione si ricollega alle sue prestigiose tradizioni di rassegna fra le più antiche d’Europa (in questo settore) e dall’altro quale momento privilegiato di riflessione sul rapporto fra creazione compositiva e riflessione spirituale.
Al tempo stesso questa edizione si caratterizza per l’ampiezza e varietà dei suoi riferimenti storici e stilistici, dal tardo medioevo sino alla musica del nostro tempo: quest’ultimo aspetto è legato soprattutto al concerto de GliArchiEnsemble, che si avvale della presenza di Moni Ovadia nella prima esecuzione a Palermo di Jesus’ Blood Never Failed Mu Yet (“Il sangue di Cristo non mi ha mai tradito”, 1971-73), un’opera voce, orchestra e nastro magnetico del compositore inglese Gavin Bryars che alcuni anni fa ha suscitato l’interesse di Alessandro Baricco.

Inoltre, la Settimana di Musica Sacra propone come concerto di inaugurazione un’ampia scelta della Cantigas de Santa Maria di Alfonso X “Il Saggio”. Il concerto conclusivo, nel segno del grande repertorio barocco, vede invece il ritorno al Duomo di Monreale dell’Orchestra Sinfonica Siciliana che esegue, insieme con il Coro Ars Cantica, il Gloria di Vivaldi e il grande Magnificat di Bach.

Prologo dell’evento sarà la “Borsa del Turismo delle Religioni” che si svolgerà a Monreale il 30 e 31 ottobre. 60 operatori turistici siciliani presenteranno la loro offerta ai buyer specializzati nel segmento del turismo religioso provenienti da Polonia, Inghilterra, Germania, Portogallo, Croazia e Italia. Il lavoro di animazione e selezione delle proposte è frutto anche alla collaborazione con le Curie siciliane.

Le due giornate della Borsa prevedono workshop, incontri B2B, trade show ed educational tour sul territorio, finalizzati non solo a definire gli accordi tra gli operatori dell’Isola ed i buyer nazionali ed internazionali, ma anche ad individuare operativamente quali itinerari e percorsi possano ulteriormente essere proposti con il coinvolgimento di tutti i territori.

L’evento si completa anche con l’organizzazione di due educational tour durante i quali i buyers visiteranno direttamente i territori ed avranno quindi modo di approfondire sul luogo gli itinerari proposti. Gli educational tour riguarderanno in questa fase i territori nel perimetro di Catania-Etna, Siracusa, Palermo e Cefalù.

News Correlate