mercoledì, 28 Ottobre 2020

A Naxos debutta il festival Leggere l’antico

Storytelling museale, educazione al patrimonio e turismo culturale, editoria specializzata sono al centro degli appuntamenti di “Leggere l’antico”, in programma domani, sabato 1 e domenica 2 giugno al parco di Naxos, primo festival dedicato a quella che viene definita “archeologia pubblica o sociale”, ossia la gestione, divulgazione e infine la condivisione con il pubblico dei beni culturali. Organizzato dal Parco Archeologico Naxos Taormina, in partnership con il festival letteratura “Naxos Legge”, Civita Sicilia e la locale sezione dell’Archeoclub, “Leggere l’antico” ospiterà numerose iniziative per appassionati e nuovi curiosi di tutte le età.

A cominciare dalle archeostorie e dallo storytelling museale – fra gli ospiti l’archeoblogger Cinzia Dal Maso e Fabrizio Mollo, autore di una guida della Calabria antica – e poi dibattiti su riviste e quaderni scientifici a cura delle Università siciliane e degli istituti di ricerca; il racconto di come le tecnologie hi-tech vengono applicate alla divulgazione dei beni culturali (Cnr Ibam); l’imminente arrivo a Naxos del “metodo peripatetico” di Aristotele con passeggiate filosofiche fra gli scavi del parco: ne parlerà Andrea Lucisano, contributor per diversi festival di filosofia e autore di animazioni di filosofia come “La volpe Sophia”; per i bambini laboratori didattici sulle favole antiche e sugli “erbari da leggenda” in collaborazione con gli archeologi di Civita Sicilia; mentre una decina di piccoli editori, ospiti con i loro stand del Parco Archeologico Naxos Taormina, esporranno le pubblicazioni dedicate all’archeologia e al mondo antico, fra cui figurano personaggi e illustrazioni nati dalla felice matita di disegnatori e creativi.

www.parconaxostaormina.com

 

News Correlate