A Palermo una mostra sposa vintage e retrò con concerti dal vivo

Flipper, juke box, telefoni in bachelite, macchine per scrivere, biciclette, fra le quali la mitica “Graziella”. Una vera e propria commistione tra oggetti vintage e retrò che diventa una mostra, frutto della grande collezione di Ninni Arcuri che ha al suo attivo oltre dieci mostre di grande successo, tra le quali quella intitolata “Vintage” e realizzata nel 2014 al Loggiato San Bartolomeo a Palermo e che ha registrato la presenza di oltre 10 mila visitatori.

“ExpoRetrò, che più vintage non si può” sarà inaugurata lunedì 23 dicembre, alle 19, con il vernissage, al Teatro Garibaldi di Palermo, e che sarà visitabile fino al 31 dicembre, dalle 10 alle 23.30. La mostra è organizzata in compartecipazione con la Regione Siciliana, grazie al bando sulla destagionalizzazione che prevede il cofinanziamento dell’assessorato regionale Turismo.

Una sezione della mostra sarà all’insegna degli “States” con pezzi originali americani; nella parte del vintage italiano una sezione sarà dedicata alla plastica con pezzi delle più autorevoli firme del design italiano che poi è diventato internazionale come Sottsass, Bellini, Sapper e Zanuso. La mostra oltre ad avere una valenza turistica, ne possiede una storica che ci aiuta a coltivare la memoria. Nello specifico, un’installazione murale di 100 orologi fermi sull’ora della strage di Piazza Fontana a Milano, proprio quest’anno che cade il cinquantesimo anniversario, sottolinea il messaggio di cui è intrisa l’intera mostra: quel tempo passato è sempre attuale.

Una parte del sottofondo musicale sarà tutta dal vivo: infatti, curiosi e visitatori potranno assistere a dieci concerti. Alessandra Salerno, la regina dell’autoharp, simbolo e volto di “The Voice of Italy”, aprirà lunedì 23 il cartellone delle esibizioni, poi i palermitani Mandreucci e Vella, in programma la sera di Natale, Zero40 band che farà un omaggio a Lucio Dalla la sera di Santo Stefano e a seguire dj set, Giada e i Sib la sera del 27 dicembre, l’orchestra Made in Sud il 28, Stefania Mulè e Manuk il 29, lunedì 30 chiuderanno alle 21 Back Door Band e a seguire Joline e Stikazzi.

“Questa mostra è garanzia di evento di qualità che merita l’attenzione non soltanto dei palermitani e dei siciliani ma ci auguriamo anche dei tanti turisti che verranno a Palermo a trascorrere le vacanze di Natale – dice l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina – Se a questo aggiungiamo il cartellone di concerti e spettacoli serali siamo davanti a un interessante mix tra arte, bello da ammirare anche con musica dal vivo in sottofondo”.

“La connotazione al vintage la dà la qualità, il fascino e l’oggetto iconico che negli anni è diventato un oggetto cult – spiega Ninni Arcuri, collezionista, regista e curatore dell’allestimento dell’esposizione – mentre con retrò qualifichiamo tutto ciò che in qualche modo è legato al passato e continua ad essere riprodotto. Abbiamo creato una esposizione suggestiva e la colonna sonora la faranno anche i concerti tematici della sera”.

L’ingresso costa 5 euro.

News Correlate