Agrigento, accordo internazionale per valorizzare siti minori

A favore del Cupa previsti fondi pari a 459 mila euro

E' in programma venerdì 14 luglio, nella sede del Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento, la firma del Partnership Agrement, il progetto finanziato dall'Ue e realizzato grazie alla sinergia tra il Polo Universitario della Provincia di Agrigento con l'università di Yarmouk in Giordania, l'Università Palestinese Al Quds, la società Sudgestaid di Roma e l'associazione spagnola Aido. L'obiettivo del progetto è rafforzare la capacità di attrazione turistica dei centri archeologici e storico culturali di minore importanza dei Paesi partner, attraverso la creazione di un network interattivo, finalizzato alla promozione dello sviluppo e alla collaborazione nella gestione delle attività culturali e del marketing territoriale. Il progetto avrà un costo di 1 milione e 349 mila euro con un finanziamento previsto a favore del Cupa di 459 mila euro.
Tra le attività previste, dopo una prima fase di ricerca in cui ogni Paese realizzerà uno studio sui beni minori, la creazione di una piattaforma elettronica interattiva che oltre a consentire la collaborazione tra i partners, sarà uno strumento di marketing territoriale. Sarà così possibile visitare alcuni siti archeologici dei paesi partner e si potrà accedere alle informazioni storico culturali o di tipo turistico.

News Correlate