domenica, 16 Maggio 2021

Cefalù scommette sul cineturismo con una mostra e itinerari ad hoc

Far rivivere ai visitatori l’ambiente del set di 5 famosi film girati e/o ambientati a Cefalù. È l’obiettivo che si è posto il dirigente del servizio turistico regionale, unità operativa di Cefalù, Domenico Maccarone, quando ha deciso di realizzare la mostra “Un ciak per le vie di Cefalù”, in corso nei locali della Chiesa dell’Annunziata di corso Ruggero a Cefalù.

Il primo film è “Vacanze d’amore”, realizzato nel 1955. Un vero e proprio spot pubblicitario per Cefalù e per l’ormai ex club mediterranee che visse il suo momento clou tra gli anni 50 e 60, con la nascita di un vero e proprio canale turistico che collegava direttamente Cefalù alla Francia. Nel cast del film diretto dal regista francese Jean-Paul Le Chanois ci sono Lucia Bosè, Walter Chiari, oltre a una fugace apparizione di Domenico Modugno e Delia Scala. La maggior parte delle riprese del film sono state effettuate sul promontorio di Santa Lucia, dove ha sede il villaggio, e in piazza Duomo.

Il secondo film in ordine di tempo è “A ciascuno il suo“, per la regia di Elio Petri, tratto da un romanzo di Leonardo Sciascia, che vede protagonisti Gian Maria Volontè e Irene Papas.

Si prosegue poi con “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore, Oscar nel 1990 per il miglior film straniero. Nel cast tra gli altri Totò Cascio, Leo Gullotta, Tano Cimarosa, Pupella Maggio, Enzo Cannavale. Le riprese sono state effettuate tra Palazzo Adriano e Cefalù.

Il quarto film non è mai uscito nelle sale cinematografiche italiane, si tratta di “Mario e il Mago” titolo originale “Mario und der Zauberer” di Klaus Maria Brandauer, tratto da un romanzo di Thomas Mann. Molte scene del film sono state realizzate nel centro storico di Cefalù.

Ultimo in ordine di tempo, “Il regista di matrimoni” di Marco Bellocchio con Sergio Castellitto e Donatella Finocchiaro.

Nella mostra sono esposte delle vere e proprie reliquie provenienti dai set dei film, (manifesti originali, foto di scena, attrezzi, persino il vaso di terracotta presente nei titoli iniziali di Nuovo Cinema Paradiso, attrezzature cinematografiche e fotografiche d’epoca, praticamente un vero e proprio museo di storia del cinema in formato ridotto), conservati gelosamente da alcuni cinefili cefaludesi.

Contestualmente, l’ufficio turistico di Cefalù ha predisposto dei veri e propri itinerari sui luoghi del cinema a Cefalù, a disposizione di tutte le guide turistiche e dei turisti che ne faranno richiesta.

La mostra rimane aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e sabato e domenica dalle 8.30 alle 21.30. L’ingresso è libero.

 

 

News Correlate