mercoledì, 23 Giugno 2021

Prima il recupero e poi il bando, la mossa per salvare Terme Sciacca

“Il Governo della Regione è pronto a stanziare subito fondi ingenti per ristrutturare le Terme di Sciacca”: lo ha detto Margherita La Rocca Ruvolo, parlamentare all’Ars e presidente della commissione Salute a palazzo dei Normanni. Una dichiarazione che giunge all’indomani dell’annunciata “Marcia a piedi su Palermo” del sindaco Francesca Valenti per protestare contro quello che viene ritenuto dall’amministrazione cittadina il disinteresse della giunta regionale sul patrimonio termale, chiuso da 6 anni e oggi simbolo di incuria e abbandono.

“Il presidente Musumeci – ha dichiarato La Rocca Ruvolo – attribuisce all’oggettivo deperimento del patrimonio immobiliare la ragione per cui ben 3 avvisi, pubblicati nel corso degli anni per la selezione di un partner privato a cui affidare i beni in concessione, sono andati regolarmente deserti”. Da qui, dunque, il tentativo di puntare su un quarto bando.

Ma stavolta lo si farà non prima di avere finanziato un intervento di recupero degli immobili (Stabilimento delle cure, Grand hotel, Stufe vaporose e Piscine termali). “I fatti dimostrano che le Terme di Sciacca, così come sono ridotte, non le vuole nessuno”, ha aggiunto la parlamentare, che è anche sindaco di Montevago, località belicina che è, a sua volta, una stazione termale. La Rocca Ruvolo ha poi sostenuto che il recente tentativo del presidente Musumeci di coinvolgere l’Inail per un eventuale investimento sulle Terme di Sciacca non è andato a buon fine. “Ristrutturare le Terme permetterà di rendere il patrimonio immobiliare più appetibile, e maggiormente in grado di attrarre eventuali investitori”.

News Correlate