domenica, 2 Ottobre 2022

Vetrina dei Progetti: Tessere vince il premio speciale

Istituito in memoria della ricercatrice del Cnr di Napoli Clara Petrillo

E' "Tessere – Percorsi tematici che si concretizzano in esperienze di viaggi" il progetto di Giuliana Narbone e Alessia Dimaria ad aggiudicarsi il premio speciale alla memoria di Clara Petrillo attribuito da un gruppo di ricercatori del Cnr-Issm di Napoli nell'ambito della terza edizione de "La Vetrina dei Progetti", il concorso di idee dedicato ai giovani tra i 18 e i 35 anni promosso dalla Logos Srl Comunicazione e Immagine e l'Associazione Ricercatori Turismo (ArTù) con il Dipartimento di Beni Culturali, Storico-Archeologici, Socio-Antropologici e Geografici dell'Università di Palermo ed il Centro Universitario Tecnologie per la Promozione del Turismo Culturale.
La cerimonia di premiazione si è svolta subito dopo l'inaugurazione di TravelexpoIn, il Salone dell'offerta turistica si eccellenza in programma fino a domani, domenica 29 gennaio, al San Paolo Palace di Palermo.
Tessere lancia l'idea di esperienze di viaggio lungo itinerari tematici orientati, ma solo in parte stabiliti. "Non ce l'aspettavamo ma ci speravamo – hanno detto le due vincitrici – questo riconoscimento è un premio ai nostri studi e alle nostre passioni".
Il premio speciale è stato messo in palio da un gruppo di ricercatori del Cnr di Napoli in memoria della collega Clara Petrillo, prematuramente scomparsa nel 2010. La ricercatrice aveva fatto parte della giuria che aveva selezionato i progetti durante la prima edizione de La Vetrina dei Progetti, nel dicembre 2009.
"Tessere prende atto dei cambiamenti sociologici in corso nel turismo – si legge nella motivazione  – e inquadra gli ostacoli materiali e immateriali esistenti. In tal senso, il reticolo dell'offerta turistica e l'estroversione delle piccole imprese, l'affiliazione delle strutture recettive e la condivisione di know how, le valutazioni per calibrare e aggiornare l'organizzazione in essere del progetto, sono prefigurati attorno a questo senso relazionale che si fa ideazione, scoperta, incontro.
Così, la cosiddetta svolta relazionale si concretizza come volàno del progetto turistico per esperire spazi di sviluppo, ipotesi di lavoro, terreni inesplorati, relazioni umane: insomma, i tratti salienti di un'autentica e responsabile esperienza turistica, quei tratti che abbiamo avuto il privilegio e il piacere di indagare e di condividere con l'amica e collega Clara Petrillo e che siamo lieti di cogliere, creativamente interpretati, nella meritoria proposta di Giuliana Narbone e di Alessia Dimaria".
A selezionare i nove progetti finalisti è stato il gruppo di studi del Cnr-Issm, guidato dalla senior researcher Maria Rosaria Carli, con Idamaria Fusco, ricercatore; Giovanni Lombardi, ricercatore; Ilaria Zilli, professore associato. Il gruppo multidisciplinare, con partner e network qualificati, che promuove ricerche sullo sviluppo sociale ed economico nel Mediterraneo e sul suo background storico, indaga anche sulle problematiche ambientali così come sui temi del cultural heritage e del turismo. Proprio su quest'ultimo versante, grazie anche alla intensa collaborazione con la compianta Clara Petrillo, il gruppo ha potuto offrire il proprio contributo al progetto MedMysea, proporre i propri lavori in consessi internazionali di Barcellona, Roma, Valencia, Brighton, Porto, e pubblicare su riviste specializzate come CABI.

News Correlate