Ecco l’app per chi arriva in Sicilia tra salute e turismo

Un sito e una app dal nome di Sicilia Si Cura, che consentono alla Regione di monitorare chi arriva in Sicilia e ai turisti di essere assistiti in caso di bisogno. È la “ricetta” pensata dal governo regionale siciliano per gestire in sicurezza la ripresa dell’attività turistica nell’isola. Il progetto a cui ha collaborato l’ex capo della protezione civile Guido Bertolaso è stato presentato nel corso di una conferenza stampa a Palazzo d’Orleans alla presenza del governatore Nello Musumeci e degli assessori alla Sanità Ruggero Razza, al Turismo Manlio Messina e alle Attività produttive Mimmo Turano.

“E’ un’app facile da usare che cercheremo di implementare anche con informazioni aggiuntive per il turista”, ha detto Bertolaso. Tramite l’applicazione chi arriva in Sicilia comunica la sua presenza nell’isola e indica il proprio stato di salute. “Lo scopo è mettere chi arriva in contatto col sistema sanitario – ha spiegato l’assessore Razza – . Tramite le indicazioni date dal turista il sistema sanitario apprende con una sorta di pre triage notizie utili sulla salute e sull’area frequentata dal visitatore”.

“Non prevediamo sanzioni. Siamo certo che i turisti collaboreranno. Il turista è il primo ad avere interesse all’uso dell’app. Contiamo sul senso di responsabilità delle persone”, ha detto il governatore Nello Musumeci.

Grazie alla sua esperienza Bertolaso potrà intervenire sui protocolli di sicurezza da attuare anche nelle strutture ricettive qualora un ospite dovesse risultare contagiato. L’obiettivo è infatti quello di stabilire un filo diretto imprese-assessorato. L’app avrà la caratteristica di segnalare eventuale contagi e tracciare i percorsi dell’ospite ma potrà costituire anche uno strumento per offrire informazioni turistiche.

News Correlate