lunedì, 30 Novembre 2020

Ragusa, dal 1 gennaio 2012 balzello di 1 euro per i turisti

Contrari Confesercenti e Federalberghi che chiedono passo indietro del sindaco

Anche Ragusa dice sì alla tassa di soggiorno. Una riunione della maggioranza che sostiene il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, ha deciso di dare il via libera al nuovo balzello di 1 euro che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2012. La condizione posta è che i proventi vengano reinvestiti per potenziare i servizi turistici. Si attende così l'arrivo di circa 400mila euro nelle casse del capoluogo visto che le presenze annue tra Ibla, Ragusa Superiore e Marina di Ragusa ammontano a 400 mila unità.
Ma le associazioni manifestano la loro netta contrarietà. "La Regione Sicilia ha approvato la finanziaria dove figura la tassa di soggiorno – spiega Giuseppe Occhipinti, presidente territoriale di Confesercenti Ragusa – e adesso anche il Comune capoluogo dice si, anche se in via sperimentale. I nostri amministratori non si rendono conto che l'unica risorsa di concreto sviluppo per il nostro territorio è proprio il turismo e questo settore va incentivato e non certo invece tassato e direi io anche tartassato. Spero che il sindaco Dipasquale si ravveda e torni indietro. Noi siamo disponibili a sostenerlo pienamente qualora decidesse di incentivare e non certo di tassare".
Reazione negativa anche da parte di Rosario Dibennardo, presidente provinciale di Federalberghi-Confturismo: "questo provvedimento rischia di annullare tutti i piccoli passi in avanti che il comparto, a spese di grandi sacrifici, ha compiuto. Abbiamo faticato tanto a fare arrivare i turisti dalle nostre parti, pur a fronte di una crisi economica a livello globale. Quindi, se vogliamo che non scelgano altre destinazioni bisogna che la questione della tassa di soggiorno venga archiviata. Almeno in questo periodo".   

News Correlate