lunedì, 20 Settembre 2021

Grand Hotel Principe di Piemonte primo in Italia a ottenere Certificazione Salubrità Ambienti

Un importante traguardo per il Grand Hotel Principe di Piemonte. L’iconico hotel della Versilia ha dimostrato il proprio impegno a creare una cultura della responsabilità e seguire le migliori pratiche globali per aumentare la sicurezza sanitaria, certificato da una terza parte, ma soprattutto ha pensato ad una soluzione per il post-emergenza sanitaria in una logica di eccellenza in ambito sicurezza-igienica degli ambienti. Storico, panoramico, iconico: l’albergo è già da un secolo simbolo di soggiorni esclusivi, improntati all’eleganza e alla cura di ogni dettaglio.

Con questo spirito e con questo obiettivo che il Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio, si è avvicinato alla certificazione in riferimento allo Standard Salubrità Ambienti, sviluppando un modello gestionale ad hoc, innovativo e di alto livello, che ha come fondamenta l’attenzione verso il concetto di qualità, di eco-sostenibilità e soprattutto l’attenzione al conseguimento e mantenimento nel tempo degli standard qualitativi e quantitativi. La Certificazione assegnata da Kiwa Italia va oltre i concetti attuali di sanificazione di ambienti e superfici, perché richiede alle realtà che intendono certificare uno o più ambienti, l’adozione di un nuovo metodo gestionale, di adoperarsi con un approccio basato su prestazioni di risultato verificate da terzi. Uno schema di certificazione innovativo che ha come focus principale quello di garantire ambienti sani e sicuri nel tempo secondo lo Standard ST-SAL-AMB.

Il Grand Hotel Principe di Piemonte ha così deciso di investire su questo tema così delicato e attuale coinvolgendo Maddalena Piscopo, il primo ed unico Manager della Salubrità degli Ambienti, ad occuparsi di hotellerie, una nuova figura professionale con la responsabilità di garantire nel tempo gli standard qualitativi in ambito sicurezza igienico sanitaria, definiti nello Standard Salubrità Ambientale. Erano tantissimi gli aspiranti MSA, ad oggi sono solo in 11 visti i requisiti richiesti per ricoprire tale attività  professionale dall’elevato livello di conoscenze, abilità  e competenze.

“L’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del virus, ha reso indispensabile garantire la sicurezza igienico sanitaria e la salubrità degli ambienti. È nata l’esigenza da parte delle strutture ricettive di saper gestire l’assetto post emergenziale, questo perché dal punto di vista del mercato turistico ciò che veniva ritenuto in passato ovvio, normale come l’igiene e la pulizia degli ambienti semplicemente ‘puliti’, oggi non può essere dato per sottinteso perché si è alzata la soglia di attenzione, il focus da parte dell’ospite che cerca luoghi capaci di essere degni della sua totale fiducia. Esiste quindi l’esigenza di concentrarci più sul comunicare, sull’applicare dei metodi operativi e di controllo idonei che permettano di far capire all’ospite, questa nuova realtà che da sottintesa deve essere manifesta in termini di conoscenza, competenza e responsabilità sociale che vada oltre alla semplice introduzione del rispetto del protocollo inserito in un sito”, dice Maddalena Piscopo.

L’importante traguardo raggiunto per la prima volta in Italia dal Grand Hotel Principe di Piemonte verrà suggellato mercoledì 4 agosto alle 11.30 presso l’hotel con una cerimonia ufficiale di consegna del Certificato di Salubrità degli Ambienti alla presenza del Sindaco della città di Viareggio Giorgio Del Ghingaro e della stampa.

“Siamo orgogliosi di questa certificazione perché desideriamo che i nostri ospiti ed i nostri collaboratori si sentano al sicuro ed è per questo che abbiamo sempre investito sulla loro tutela. Ci siamo sempre impegnati e continueremo ad impegnarci quotidianamente per il raggiungimento e il mantenimento di tale obiettivo”, ha commentato il General Manager Stefano Plotegher.

News Correlate