mercoledì, 23 Giugno 2021

A Expo il territorio e le eccellenze toscane della Valdera

Banca di Pisa e Fornacette ha deciso di sostenere ‘Viaggio in Valdera! Scopri il Cuore della Toscana’, progetto dedicato alle bellezze paesaggistiche, alla cultura, al tessuto produttivo e alle innovazioni tecnologiche dei 14 Comuni appartenenti all’Unione dei Comuni della Valdera nell’area delle colline pisane.

Nella settimana dall’8 al 13 settembre, la Valdera sarà protagonista, nell’area Toscana Expo presso i Chiostri dell’Umanitaria a Milano, di una serie di iniziative volte a fare conoscere le bellezze paesaggistiche, le specialità enogastronomiche e, oltre alle tradizionali attività quali la lavorazione del legno e la filiera tessile, anche settori come la robotica e la ricerca scientifica in una terra che da sempre si contraddistingue per le capacità di innovare e di realizzare prodotti noti in tutto il mondo, come la Vespa, il leggendario scooter della Piaggio.

Numerosi eventi in calendario animeranno nel corso della settimana l’area espositiva dedicata al progetto dei Comuni della Valdera: a conferenze e tavole rotonde si alterneranno momenti ricreativi quali concerti e cortometraggi, il tutto accompagnato dalla possibilità di degustare vini e prodotti gastronomici locali.

“Da sempre siamo attenti a promuovere le potenzialità e particolarmente sensibili alle iniziative in grado di valorizzare le peculiarità e di esaltare le unicità del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico del nostro territorio – commenta Grazia Guantini, direttore Marketing di Banca di Pisa e Fornacette – L’iniziativa ‘Viaggio in Valdera! Scopri il cuore della Toscana’ non solo ci offre questa possibilità, ma ci permette di fare conoscere e di diffondere a livello internazionale, all’interno di una vetrina d’eccezione quale Expo Milano 2015, le eccellenze del tessuto produttivo e gli importanti impulsi all’innovazione tecnologica e alla ricerca scientifica provenienti dalla nostra zona.

Un’importante occasione, dunque, di fornire sostegno a un progetto in grado di mostrare il duplice volto delle colline pisane: splendidi luoghi del buon vivere e centri di sviluppo economico, tecnologico e scientifico dove si fondono le radici della tradizione e le nuove frontiere dell’innovazione”. 

News Correlate