venerdì, 18 Settembre 2020

Nardella: messe a punto norme per disciplinare Airbnb, città arte, aiuto guide e tassa soggiorno

“A Firenze portiamo a casa 4 risultati concreti: il primo è la rassicurazione di una norma per disciplinare il fenomeno di Airbnb, ovvero una legge che consentirà alle città d’arte di regolare, anche limitando il numero e l’arco temporale, le cosiddette locazioni turistiche brevi, distinguendole dalle attività imprenditoriali vere e proprie”. Ad affermarlo il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine del meeting ‘Gli Stati generali del turismo di Firenze’, a Palazzo Vecchio.
“Secondo risultato – ha continuato – è una disciplina per la tutela della professionalità delle guide turistiche: questo è un aspetto molto sentito, soprattutto in una città come la nostra dove la qualità dell’offerta culturale è fondamentale ed è anche molto richiesta dai grandi musei, a cominciare dalla Galleria degli Uffizi. Al terzo punto una normativa speciale per le città d’arte sul turismo attraverso tutta una serie di misure di semplificazione e anche di supporto al settore che integra turismo, commercio e cultura e infine la conferma ufficiale del fatto che il governo sta lavorando a integrare, quindi aumentare, il fondo di compensazione delle mancate entrate dell’imposta di soggiorno che nel decreto rilancio era di 100 milioni di euro. Noi avevamo parlato di ‘buon passo ma non sufficiente’, mi pare che oggi il governo confermi l’intenzione di incrementare questo fondo”. Secondo Nardella sono “quattro risultati importantissimi, sia per il bilancio del Comune sia soprattutto per le imprese dell’industria del turismo di Firenze”. Il sindaco ha precisato che “non sono arrivate richieste” di cancellazione della tassa di soggiorno. Per supportare le botteghe “già una legge speciale potrebbe contenere degli elementi di questo tipo. Intanto partiamo dagli strumenti, poi se arrivano anche i fondi, ben vengano”.

News Correlate