mercoledì, 3 Giugno 2020
TESTMSL

L’Alto Adige festeggia i 20 anni dal ritrovamento di Oetzi

Tra i momenti di spicco la mostra ‘Oetzi20 Life.Science.Fiction.Reality’

In occasione del 20° anniversario del ritrovamento di Oetzi, la mummia di 5.000 anni fa scoperta il 19 settembre 1991 da una coppia di turisti tedeschi sul ghiacciaio della val Senales, l'Alto Adige ospita una serie di manifestazioni e iniziative in suo onore. Infatti, il Museo Archeologico di Bolzano, che dal 1998 custodisce Oetzi, e l'Archeoparc val Senales organizzano mostre, visite guidate e workshop adatti a tutte le età. Sabina Kasslatter Mur, assessore provinciale alla cultura, ha evidenziato che il ritrovamento di Oetzi ha "rivoluzionato le nostre conoscenze sul Neolitico. Nostro compito per il futuro – ha aggiunto – é di conservare la mummia anche per le generazioni a venire aggiornando e diffondendo quanto sappiamo su di lui". Momento clou delle iniziative è la mostra temporanea ‘Oetzi20 Life.Science.Fiction.Reality', visitabile fino al 15 gennaio 2012. I curatori vi hanno raccolto le più significative scoperte, esperienze e vicende che gravitano intorno all'uomo venuto dal ghiaccio.

 

News Correlate