mercoledì, 14 Aprile 2021

Con Volotea4Veneto il vettore si schiera al fianco della cultura

Volotea rafforza il suo legame con il nord-est e annuncia l’avvio di #Volotea4Veneto, un’iniziativa nata in collaborazione con Gruppo SAVE e Regione del Veneto, a sostegno della cultura locale. Quattro progetti, promossi da altrettante istituzioni del territorio, sono in lizza per aggiudicarsi il finanziamento stanziato dalla low cost, che prevede un investimento totale di 100 mila euro, 90 mila dei quali destinati al progetto più meritevole e il restante dedicato alla promozione di questa speciale attività culturale e a rendere il contest accessibile a tutti.
Il progetto vincitore sarà decretato online dagli utenti, che potranno esprimere la loro preferenza sul sito www.volotea4veneto.it a partire dal 7 aprile. Ma le sorprese non sono finite qui: tra tutti coloro che parteciperanno alla votazione, verrà estratto un fortunato vincitore che si aggiudicherà un voucher del valore di 3 mila euro per volare gratuitamente per 1 anno a bordo degli aeromobili della compagnia in partenza da Venezia e Verona.

Diversissimi tra di loro, ma accomunati dal forte legame con il territorio, i 4 progetti spaziano dal restauro di opere in argilla e gesso ospitate dalla Gypsotheca Museo Antonio Canova, alla digitalizzazione di alcuni tra libri e pergamene custodite presso la Biblioteca Capitolare di Verona. Ci sono poi la creazione di percorsi tattili e 3D di alcuni iconici monumenti promossa da VERONA FOR ALL e il restauro del Labirinto, e della relativa Torretta, nel parco del Museo Nazionale Villa Pisani.

L’iniziativa, che vede tutti gli utenti chiamati a votare fino al prossimo 22 maggio, si è concretizzata grazie alla sinergia tra Volotea, da sempre in prima linea nel sostenere il territorio e promuovere la cultura veneta, Gruppo SAVE e le Istituzioni locali. La low-cost non è nuova a questo tipo di attività: due anni fa, infatti, Volotea si è fatta carico del restauro della balconata sansoviniana di Palazzo Ducale, affacciata su Piazza San Marco, riportando agli antichi splendori uno dei più famosi monumenti veneti.

 

 

News Correlate