La storia della Vespa in mostra al Museo Nicolis

Il Museo Nicolis dedica una personale ai 70 anni del Vespa Club d’Italia fino al 16 febbraio 2020 con la Collezione ‘Vite da Vespa’ di Marco Romiti, rassegna dove saranno fruibili a tutti gli appassionati, per la prima volta fuori dalla Sede istituzionale, i Trofei conquistati dai vespisti nelle attività sociali divenute pietre miliari del mitico sodalizio, tenute fra l’Italia e l’Europa.

Insieme ai gonfaloni storici di rappresentanza quali orgoglio di appartenenza, troviamo i rari trofei dei raduni, delle attività sportive e turistiche: uno fra tutti il leggendario Trofeo del Turismo, pezzo unico, assegnato annualmente dal 1950 al ‘69 al Vespa Club che nel corso dell’annata aveva svolto la maggiore attività turistica.
II Grand Prix d’Excellence istituito al secondo Congresso del Vespa Club d’Europa a Parigi il 14/15 dicembre del 1953, veniva assegnato dal Comitato dei Presidenti Europei al Vespa Club Nazionale che aveva saputo organizzare un importante manifestazione di propaganda vespistica. Questo Trofeo passerà di anno in anno ai Vespa Club Nazionali vincenti, alla riconsegna il Trofeo veniva sostituito con una copia ridotta dello stesso.

Naturalmente, i complementi fondamentali che aggregano questa storia inarrivabile negli anni in cui si è manifestata, saranno gli scooter Vespa che hanno avuto maggior rilievo nella società e nel cuore degli appassionati: la Vespa 98 del 1946 l’inizio della fantastica avventura che ricorda Enrico Piaggio e Corradino D’Ascanio, le Sport ‘6 giorni’ del 1952 e del 1953 delle memorabili imprese sportive, la 125 del 1952 modello interprete del film di William Wyler ‘Vacanze Romane’ con Audrey Hepburn e Gregory Peck, e tanti altri memorabili pezzi che rappresentano un percorso entusiasmante sino agli anni ’70.

Un percorso che si sposa naturalmente con le collezioni del patrimonio permanente del Nicolis sino, ogni volta, a rinnovare e completare ogni tassello della storia contemporanea del nostro Paese.

Per questa originale mostra, evocativa di uno dei prodotti più conosciuti e apprezzati dell’arte industriale italiana, è stata scelta un’immagine emblematica tratta dal libro ‘Museo Vite da Vespa’ di Marco Romiti, simbolico per i cultori della Marca dove, fra i trofei dello storico palmares, la Vespa figura come identità espressiva di tecnica, stile, originalità e buon gusto.

Il Museo Nicolis vuole creare una opportunità per tutti i vespisti, in particolare per gli associati al Vespa Club D’Italia che conta oltre 67.000 iscritti e al Registro Storico Vespa, con una iniziativa proposta con l’hashtag: #vespa70 #enricopiaggio

Basta postare le vostre foto più belle con la vostra Vespa per usufruirete immediatamente di un ingresso speciale a 9 euro anziché 12 euro, allargato anche a chi arriverà in Vespa al Museo Nicolis.

News Correlate