domenica, 27 Settembre 2020

Salerno. Abbac chiede monitoraggio strutture ricettive

Secondo l’associazione cresce il potenziale del segmento ricettivo alternativo

"Se la valorizzazione turistica del territorio salernitano è ritenuta una delle priorità  per il 36% degli intervistati secondo il sondaggio commissionato dal presidente Edmondo Cirielli, è ora che la Provincia di Salerno metta mano seriamente ad un piano straordinario del turismo". Agostino Ingenito, presidente Abbac, l'associazione che rappresenta il comparto ricettivo extralberghiero, aderente Confesercenti Campania, commenta così i dati rivelati dall'indagine fra i cittadini voluta dall'amministrazione provinciale salernitana per misurare le loro aspettative in termini di attese relative allo sviluppo economico del territorio.
"Abbiamo esposto fin dallo scorso anno, la necessità che la Provincia si doti di un piano straordinario del turismo – sottolinea Ingenito – che tenga conto della concertazione tra le associazioni di categoria e l'ente provinciale, a cui spettano si poche competenze al momento, ma nell'auspicio come annunciato che la Regione deroghi ulteriori funzioni, sarà possibile garantire una gestione diretta del turismo provinciale  per un autentico ed opportuno rilancio del territorio".  L'Abbac ha proposto un progetto di monitoraggio e controllo delle strutture ricettive extralberghiere,  per acquisire dati indispensabili che occorrono per rendersi conto dell'enorme potenzialità che il turismo individuale offre già nelle località turistiche mature e che può rappresentare un volano per le aree interne. La richiesta dell'associazione alla Provincia è quella di agevolare e sposare la tendenza che vede un numero sempre maggiore di salernitani, aprire le porte all'attività di accoglienza turistica con b&b, affittacamere, case ed appartamenti per vacanze ed agriturismi.

News Correlate