mercoledì, 8 Dicembre 2021

Acquajoss e Zoomarine protagonisti anche quest’anno ai Parksmania Awards 2021

Lo scorso weekend si è svolta la cerimonia di premiazione della 20^ edizione dei ‘Parksmania Awards’. Oltre 150 i partecipanti ai seminari e 350 gli spettatori allo show di premiazione di questo riconoscimento che viene assegnato ogni anno dalla testata giornalistica Parksmania.it ai Parchi di divertimento italiani ed europei che si sono maggiormente distinti durante la stagione per specifiche iniziative nel settore amusement.
Acquajoss – il Parco acquatico di Conselice, in provincia di Ravenna – ha ottenuto il Premio speciale della giuria per la nuova attrazione inaugurata quest’estate, il Maxi Boomerang: 18 metri di altezza, 100 di lunghezza e una velocità di punta pari a 70 km/h sono le principali statistiche del grande scivolo che rappresenta la prima, nuova, attrazione realizzata a partire dal 1991, anno di inaugurazione del Parco. Il Museo del Selfie di Zoomarine – primo in Italia del suo genere – arriva invece in nomination.
Soddisfatto Renato Lenzi, direttore operativo di The Dolphin Company, multinazionale messicana proprietaria dei due Parchi premiati: “La pandemia e la grave crisi sanitaria ed economica non hanno fermato il nostro impegno. Abbiamo continuato a credere nelle potenzialità dei nostri Parchi, investendo in sicurezza e presentando al nostro pubblico nuove attrazioni. E la risposta non è tardata ad arrivare. Ci avviamo alla conclusione di una stagione che ha comunque segnato una voglia di ripartenza e di positività. Abbiamo già i motori accesi per il prossimo anno, con tante idee in cantiere”.
Lenzi è stato, inoltre, tra i protagonisti di un seminario molto seguito su nuovi media e comunicazione, con particolare focus su strategie e azioni di resilienza per organizzare la ripartenza post Covid. La cerimonia di premiazione è stata accompagnata da diversi momenti di spettacolo a cura del cast artistico di Movieland Park. Lo show è stato preceduto da eventi riservati alla dirigenza dei parchi divertimento italiani, con tavoli tecnici in cui sono stati affrontati diversi argomenti. Un appuntamento ricchissimo per gli oltre 150 partecipanti, che in questo modo hanno potuto incontrarsi, confrontarsi e discutere delle problematiche insite nella sempre più difficile gestione delle strutture del divertimento.

News Correlate