TESTMSL

SOS di Assoturismo e Fiavet Lazio: fino a 90% cancellazioni

Le associazioni di categoria Assoturismo Confesercenti Roma e Lazio e Fiavet Lazio, “sono estremamente preoccupate per e ripercussioni sull’economia del comparto turistico del Lazio e in primis su Roma”. É quanto riporta una nota congiunta sul Coronavirus delle associazioni parlando di “cancellazioni che arrivano al 90% per il mese di marzo, altissime percentuali sulle prenotazioni fino a giugno nonché di un crollo delle prenotazioni fino al 60%. La crisi delle adv, che nel Lazio sono circa 2000, è aggravata – secondo le associazioni – anche dalla chiusura di alcune frontiere e alla messa in quarantena per i nostri connazionali all’estero e quindi anche per l’outgoing: non solo si registrano cancellazioni per le partenze immediate ma anche per quelle dei mesi successivi oltre a un forte stallo delle prenotazioni future. Grande preoccupazione è data anche dalla cancellazione dei numerosi eventi e congressi e delle gite scolastiche”.

Assoturismo Roma e Lazio e Fiavet Lazio chiedono a Regione e Governo “un intervento immediato e concreto a sostegno e mantenimento delle imprese e dei posti di lavoro. Tra le richieste: accesso agevolato per le imprese agli ammortizzatori sociali esistenti (Cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga senza un numero minimo di partecipanti, solidarietà) e riduzione Irap. Inoltre Assoviaggi e Fiavet Lazio in accordo con Assohotel-Confesercenti, “chiedono ai sindaci dei Comuni del Lazio ove è istituita la tassa di soggiorno, e al sindaco di Roma Virginia Raggi di stornare una parte dell’incasso della tassa di soggiorno e di accesso dei Pullman Turistici a sostegno delle imprese della filiera turistica”.

News Correlate