Roma, dopo i centurioni sfrattati anche i camion bar

Alemanno vuole porre vincolo paesaggistico in aree più sensibili del centro

Dopo i centurioni saranno i camion bar a dover abbandonare l'area del Colosseo e tutte le altre zone di pregio del centro. Gianni Alemanno, sindaco della Capitale, ha proposto a Lorenzo Ornaghi, ministro dei beni culturali, di porre un vincolo paesaggistico nelle aree più sensibili del centro. Ma la proposta del sindaco punta anche a limitarne il numero e a prevedere soste a rotazione in alcuni punti prestabiliti. Inoltre, Alemanno va avanti anche sul caso ‘centurioni’.
“Se accettano le nostre regole ci può essere un confronto altrimenti spariranno”, ha affermato riferendosi alla resistenza dei gladiatori ad abbandonare il Colosseo.
Per il sindaco il problema sono i numeri. A suo giudizio, infatti, non si può tollerare l'invasione di centurioni che “da 15 che erano sono diventati 60 e c'é il rischio che aumentino in maniera incontrollata. Quindi ci vogliono regole severe che se non saranno accettate ci porteranno ad avere un atteggiamento molto rigido”. Intanto, dai gladiatori, arriva la proposta di lavorare in zone limitrofe al Colosseo, ma con i monumenti sullo sfondo.
Intanto, la Confesercenti attacca il Campidoglio invitandolo a puntare il dito contri gli abusivi. “In tutta Roma ci sono 4mila postazioni abusive, in ogni angolo della Capitale, dalle strade alle piazze del centro storico. Prima l'amministrazione intervenga contro questa situazione e poi si può anche aprire un tavolo per ridefinire meglio le regole – ha detto Walter Gianmaria, presidente della Confesercenti Roma – La nostra proposta è quella di creare un centro servizi ufficiale nella zona del Colosseo che riunisca gli ambulanti”.

News Correlate