Liguria riapre alberghi ma poche prenotazioni, cresce settembre

“Apriamo al buio, con sanificazioni, pulizie, macchinari, plexiglass divisori e distanze, ma poche prenotazioni”. Ad affermarlo Americo Pilati, presidente di Federalberghi Liguria. Intanto nel ponente ligure, a caratterizzare questo strano inizio estate con il Covid -19, sta aumentando la domanda locale di case nell’immediato entroterra: genovesi e savonesi che scelgono la campagna preoccupati anche dal rischio di non trovare posto sulle spiagge.
“Per gli alberghi le aperture saranno in tre fasi: sabato una piccola parte, forse il 10%, poi il 13 giugno una seconda tranche, ma la maggior parte delle strutture riaccenderà l’insegna il 20 giugno. Cioè quando, si spera, apriranno le frontiere estere – dice Pilati – le prenotazioni per l’estate sono poche, speriamo che si sblocchino. Di sicuro sarà un buon settembre, abbiamo più prenotazioni che per luglio e agosto: probabilmente più ci allontaniamo dal Covid più ferie si fanno”.
Timidi segnali dal settore extralberghiero, dai b&b agli affittacamere, agli agriturismi. “Qualche richiesta inizia ad arrivare, anche dai francesi – spiega Roberta Minutolo, presidente Aigo Confesercenti della riviera di ponente – è ancora presto per capire ma potrebbe esserci un risvolto positivo per il settore extralberghiero: ad esempio lo smart working si può fare dalle case vacanza”. Per quanto riguarda le agenzie immobiliari, “la domanda sta arrivando ora, dopo la notizia della riapertura dei confini regionali – racconta Adriano Profumo, delegato al turismo della Fiaip Liguria – Per giugno c’è stato un calo rispetto agli anni scorsi, molti hanno dirottato gli affitti su settembre.
Nel ponente è aumentata in modo esponenziale la richiesta di case per l’estate nell’immediato entroterra, una domanda tutta locale: una collega ha ricevuto 85 telefonate in un solo giorno”.
“Non mi butterei giù perché ci sono poche prenotazioni, mi sembra sintomatico del fatto che fino a ieri non si sapeva neanche se si sarebbe potuto viaggiare. Nessuno prenota al buio. Ma ho visto che i balneari prevedono già il pienone per luglio e agosto, mi sembra un buon termometro” commenta e annuncia “Il 16 partirà una grande campagna promozionale, per recuperare anche la seconda parte di giugno”, ha detto l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino.

News Correlate