domenica, 21 Aprile 2024

Settore aereo riparte, ora Heathrow deve ridurre tariffe a vettori

La Civil Aviation Authority britannica ha ordinato ai vertici dell’aeroporto di Heathrow di ridurre gradualmente i charges imposti ai vettori da quest’anno al 2026 compreso. Secondo l’ente di regolazione del Regno, la ripresa post Covid dell’industria del viaggi e il rimbalzo del numero dei viaggiatori è in grado di assicurare all’infrastruttura le entrate necessarie agli investimenti previsti anche revocando parte degli ultimi aumenti tariffari autorizzati. La dirigenza dello scalo non ha accettato di buon grado il verdetto, sostenendo che esso rischia di minare l’attuazione di progetti di miglioramento dei servizi aeroportuali in cantiere. Mentre alcune compagnie aeree hanno già reagito positivamente, evocando un passo “nella giusta direzione”.

L’authority aveva dato a fine 2021 il placet a Heathrow a far balzare le tariffe richieste ai vettori come compensazione per i costi che l’aeroporto sostiene a livello di servizi operativi, di trasferimento bagagli, di manutenzione delle piste e di sicurezza da 19,60 a 30,19 sterline per ciascun passeggero trasportato. E i responsabili dello scalo avrebbero voluto arrivare fino a 41,95 sterline. L’ultima decisione stabilisce viceversa che si debba ridiscendere entro il 2026 dalle 30,19 sterline attuali a una quota non superiore a 26,31 per passeggero.

News Correlate