martedì, 27 Febbraio 2024

Sébastien Carre nominato Group Head of Hospitality di Red Sea Global

Red Sea Global (RSG), società visionaria che sta dietro le destinazioni turistiche rigenerative più ambiziose al mondo, The Red Sea e Amaala, ha annunciato la scelta di Sébastien Carre come Group Head of Hospitality. In questo ruolo chiave, Sébastien Carre guiderà la divisione ospitalità di tutte le destinazioni RSG e delle proprietà indipendenti, con l’obiettivo di accrescere la presenza dell’Arabia Saudita nel turismo globale.

Carre porta in RSG oltre 30 anni di esperienza nell’ospitalità di lusso. Laureato alla VATEL Hospitality & Tourism Business School di Lione, in Francia, il suo straordinario curriculum annovera importanti ruoli di leadership negli Stati Uniti, Europa, Medio Oriente, Africa, Oceano Indiano e Isole del Pacifico. Questa esperienza dimostra le sue abilità di leadership in mercati diversi e dinamici.

“Quest’anno Thuwal Private Retreat e Shebara saranno entrambi inaugurati e altre proprietà gestite da RSG si aggiungeranno poco dopo. Mentre questa collezione di strutture ricettive di lusso indipendenti passa dalla fase di sviluppo a essere operativa, la profonda esperienza che Sébastien porta con sé, unita a un’innata attenzione all’ospitalità, per cui l’Arabia Saudita è famosa da tempo, ci assicurerà di essere pronti a soddisfare i nostri ospiti”, ha affermato John Pagano, Group CEO di Red Sea Global.

Prima di entrare a far parte di RSG, Carre è stato Regional Vice President di Four Seasons Hotels & Resorts e ha gestito le proprietà alle Seychelles, Abu Dhabi, Tanzania, Azerbaijan e Sudafrica. Inoltre, ha coordinato la trasformazione del brand a Mauritius, dove, sotto la sua guida, il resort ha raggiunto risultati da record. Ha anche ricoperto ruoli di responsabilità presso il Four Seasons di Johannesburg, Sharm El Sheikh, Bora Bora, Provenza e Washington DC, per citarne alcuni.

Il suo ingresso nel team di RSG riflette la volontà dell’azienda di puntare su talenti di alto livello per promuovere l’innovazione e il successo nel settore dell’ospitalità. RSG, inoltre, prevede di assumere oltre 700 professionisti nel settore alberghiero nei prossimi 12 mesi.

“La visione e l’approccio pionieristico di Red Sea Global al turismo rigenerativo sono di profonda ispirazione. Non vedo l’ora di guidare la divisione ospitalità e di mettere insieme un team di talentuosi specialisti del settore, professionisti e professioniste di spicco, per promuovere queste destinazioni rivoluzionarie, posizionando l’Arabia Saudita ai vertici del turismo globale. Puntiamo a creare esperienze impareggiabili e a stabilire nuovi standard di riferimento nell’eccellenza dell’ospitalità di lusso”, ha aggiunto Sébastien Carre, Group Head of Hospitality di RSG.

Nel 2023, The Red Sea ha accolto i suoi primi ospiti, con due dei suoi hotel già in funzione. L’aeroporto Red Sea International conta un regolare numero di voli da settembre 2023. Desert Rock, Thuwal Private Retreat e Shebara accoglieranno tutti i primi ospiti quest’anno, mentre Amaala prevede di accogliere i primi ospiti nel 2025, quando i primi resort saranno pronti come parte della prima fase di Triple Bay, insieme a Corallium e all’iconico Yacht Club.

News Correlate