lunedì, 20 Maggio 2024

Booking.com cambia IVA in fattura, F.A.R.E. vuole chiarimenti

Pochi giorni fa gli operatori ricettivi hanno ricevuto, da parte della piattaforma on-line Booking.com, una mail nella quale si comunicava che a partire dal 1 maggio 2023 sarebbero variate le modalità di applicazione dell’Iva alle fatture per le commissioni.

“Abbiamo voluto inviare una richiesta di chiarimenti a Booking.com in quanto abbiamo subito notato che un aspetto molto importante di questo cambiamento non era stato considerato – si legge in una nota della Federazione – Ci riferiamo nello specifico al costo di transazione che viene pagato dagli operatori che scelgono di gestire i pagamenti tramite il portale. Questo costo (1,3%) viene addebitato nella stessa fattura che si riceve per le commissioni e non è chiaro se anche su questo sarà addebitato il 22% di iva. Gli operatori che scelgono questa forma di pagamento si sentono più tutelati e preferiscono pagare per questo servizio che, se venisse espletato tramite un intermediario quale ad esempio un istituto bancario non sarebbe soggetto all’Iva”.

“Fermo restando che siamo assolutamente favorevoli all’adeguamento del portale nei confronti del Regolamento Europeo e che finalmente venga versata l’Iva nel nostro Paese – sostiene il presidente F.A.R.E. Delia di Maio – riteniamo però che le modalità con cui è avvenuta la comunicazione non abbiano tenuto conto di un fattore molto importante che nel nostro settore è fondamentale: le tempistiche. Sarebbe stato opportuno valutare questo aspetto con molta più attenzione perché questa aggiunta del 22% sulle commissioni per molti gestori, in particolar modo quelli non imprenditoriali a conduzione familiare, diventerà un costo da sostenere non potendo scaricare l’Iva. Per altre categorie invece sarà un doppio costo considerando che sarà anche tassato in fase di dichiarazione dei redditi”.

“Sappiamo bene che la maggior parte delle prenotazioni per la stagione estiva viene effettuata con largo anticipo per usufruire di tariffe più convenienti o sconti per i soggiorni – continua il presidente – Si sarebbe dovuto dare il giusto tempo agli operatori per adeguare le proprie tariffe in tempo utile. Ora, ironia della sorte, abbiamo moltissime prenotazioni che non possono essere modificate e sulle quali si aggiunge un costo in più non calcolato. Queste sono azioni che vanno programmate per tempo e per tempo, nel nostro settore, non equivale a 20 giorni. Nella nostra richiesta abbiamo voluto anche sottolineare questo aspetto – conclude – chiedendo a Booking.com la possibilità di prevedere azioni che possano, almeno per una volta, essere a favore degli operatori e non sempre e solo dei viaggiatori”.

News Correlate