mercoledì, 8 Dicembre 2021

La riscossa delle crociere è iniziata, ma i numeri del 2019 sono ancora lontani

La riscossa delle crociere in Italia nel 2021 rispetto al terribile 2020 che aveva segnato lo stop causa Covid è nei numeri: entro quest’anno saranno 2.740.000 i passeggeri movimentati a fine anno, il 325% in più dei 645 mila dell’anno scorso, oltre il quadruplo, e il 293% in più delle toccate nave. I dati sono stati illustrati alla presentazione della decima edizione dell’Italian cruise day ideato da Risposte Turismo, che si terrà a Savona il 29 ottobre.

I numeri raccontano l’avvio della ripresa, anche se il record di 12 milioni di passeggeri del 2019 resta lontanissimo. Il traffico crociere in Italia è tornato ai livelli di 20 anni fa, nel 2001, dopo la caduta l’anno scorso ai valori del 1993. Sul podio si conferma Civitavecchia, con 547.810 passeggeri (+165% rispetto al 2020) e 282 toccate nave (+232%), seguita da Genova con 460 mila passeggeri (+251%) e 147 toccate (206%) e Palermo a 300 mila passeggeri (+299%) e 101 toccate (+197%). La Liguria guida la classifica delle regioni con 751.802 passeggeri movimentati (+188,4%) e 272 toccate nave, seguita da Lazio (548.153 passeggeri, +167,4%) e Sicilia (497.529, +401,5%) al primo posto per accosti (300).

Inoltre, secondo i primi dati di Italian Cruise Watch 2021, nel triennio 2022-2024 sono in programma in Italia oltre 821 milioni di euro di investimenti portuali sulla crocieristica, di cui 258 milioni di euro nell’area delle infrastrutture (31,4%), 231 milioni di euro per interventi di dragaggio (pari al 28,2%) e 210 milioni di euro per nuove strutture e terminal crociere (il 25,7%). Per la prima volta superano la doppia cifra sul totale gli investimenti specifici riconducibili alle tematiche ambientali (oltre 107 milioni di euro, il 13,1%) mentre pesano meno del 2% le altre voci.

A livello geografico, il report di Risposte Turismo evidenzia investimenti significativi programmati da nord a sud, dal Mar Tirreno all’Adriatico. La Spezia, Brindisi, Trapani, Porto Empedocle e Venezia sono i porti che registreranno i maggiori investimenti nel prossimo triennio.

«La prossima edizione dell’Italian Cruise Day sarà un’edizione speciale. Innanzitutto, perché è quella del decennale, un traguardo importante per un progetto che è cresciuto anno dopo anno. E poi perché segna il ritorno di un appuntamento, dopo un anno di stop forzato, che mai come quest’anno contribuirà a comprendere dove stia andando il settore. Un settore che ancora una volta ha dato prova di saper affrontare e superare le difficoltà e che ci auguriamo, e bisognerà impegnarsi in tal senso, sappia trovare nuove basi su cui costruire una nuova traiettoria evolutiva» ha affermato Francesco di Cesare – Presidente Risposte Turismo.

«È una grande soddisfazione poter ospitare al Palacrociere di Savona la decima edizione del forum di riferimento per il settore crociere in Italia. Come abbiamo visto nelle passate edizioni dell’Italian Cruise Day, le crociere sono una realtà consolidata in Italia, ma con un potenziale ancora in buona parte da esplorare. La fase di ripartenza che stiamo vivendo può rappresentare una grande opportunità per esprimere questo potenziale, creando valore sul territorio e promuovendo uno sviluppo sempre più sostenibile del turismo» ha dichiarato Roberto Ferrarini – Terminal Director del Palacrociere Savona.

La partecipazione a Italian Cruise Day 2021 è consentita solo previa iscrizione online su http://www.italiancruiseday.it/iscrizioni2021/ e con green pass. Per esigenze organizzative non sarà possibile registrarsi direttamente in sede di evento.

News Correlate