lunedì, 29 Novembre 2021

Balneari pronti alla protesta, ma prima riunione a Roma

Le sigle sindacali vogliono convincere il governo ad un confronto sulle concessioni demaniali

Alte temperature sulle spiagge italiane e non solo per colpa del gran caldo che sta investendo mezza italiani. A far salire il termometro contribuiranno anche gli stabilimenti balneari che annunciano una serie di proteste e manifestazioni per i prossimi giorni. Il calendario delle azioni di protesta su tutte le spiagge d'Italia sarà reso noto la prossima settimana. "Martedì 17 luglio, infatti – annuncia Graziano Giannessi vicepresidente vicario del Sib Sindacato Italiano Balneari – porteremo a Roma una serie di infuocate proposte alla riunione nazionale tra tutte le sigle sindacali degli imprenditori balneari. Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti, Assobalneari Italia Confindustria e Balneatori CNA, infatti, intendono definire un progetto nazionale condiviso che verrà reso operativo su tutti i litorali italiani al fine di convincere il governo ad un confronto con le categorie interessate in ogni momento che verrà speso per predisporre qualsiasi provvedimento legislativo attinente la riforma delle concessioni demaniali marittime ad uso turistico-ricreativo. E se non avremo risposte soddisfacenti – conclude – siamo pronti a continuare la protesta anche nei mesi invernali nelle piazze delle grandi città italiane".

News Correlate